Melania Rea, perquisizione a tappeto nel napoletano

Potrebbe trattarsi del trolley che l’amico di Salvatore Parolisi aveva visto nell’auto del militare

di Roberto Mattei

I carabinieri di Ascoli Piceno hanno “visitato” oggi l’abitazione campana del caporalmaggiore di Frattamaggiore, alla ricerca di qualcosa che, almeno per il momento, non è dato sapere. C’è infatti la massima riservatezza sui motivi dell’operazione che potrebbe essere legata a ulteriori elementi nelle mani degli investigatori.

Sembra sempre più vicino ad una svolta il caso dell’omicidio di Melania Rea, la 29enne di Somma Vesuviana scomparsa lo scorso 18 aprile da Colle San Marco, una località turistica montana in provincia di Ascoli Piceno e ritrovata morta due giorni dopo nel “bosco delle casermette” di Ripe di Civitella nel teramano.

Proprio questa mattina i carabinieri del capoluogo piceno, in trasferta nel napoletano, hanno perquisito la casa dove Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’esercito  e marito della giovane mamma assassinata, vive con i genitori. Mentre un nucleo di carabinieri in borghese investigava all’interno dell’abitazione di Frattamaggiore, un secondo gruppo conduceva via in auto il militare, presso la residenza dei suoceri, a Somma Vesuviana, per raccogliere altri elementi utili all’indagine. Su cosa gli uomini dell’arma stiano cercando c’è il massimo riserbo. Secondo indiscrezioni, si tratterebbe del trolley che Raffaele Paciolla, amico dell’uomo, avrebbe visto all’interno dell’autovettura del Parolisi il giorno della scomparsa di Melania e mai più ritrovato, ma si parla ovviamente di pure supposizioni. «Più passa il tempo e più diventa difficile trovare testimonianze che attestino la presenza di Melania Rea lo scorso 18 aprile a San Marco,  nell’orario che il marito indica» è quanto affermato dal comandante dei carabinieri della provincia di Ascoli Piceno, colonello Alessandro Patrizio, in un comunicato diffuso dall’Ansa stamane alle 10.

 

La sensazione questa volta è che gli inquirenti abbiano in mano più elementi di quelli resi noti sino ad oggi e siano vicini alla soluzione del giallo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook