ROMA 2017 | A MOVIE LIFE (O FILME DA MINHA VIDA), il viaggio conta quanto la destinazione

ROMA 2017 | A MOVIE LIFE (O FILME DA MINHA VIDA), il viaggio conta quanto la destinazione

A Movie Life (titolo originale O FIlme da Minha Vida) è il terzo lungometraggio dell’attore e regista Selton Mello, presentato in selezione ufficiale alla Festa del Cinema di Roma. Tratto dal romanzo dello scrittore cileno Antonio Skármeta, il film racconta un’avventura emozionante, la crescita di un giovane uomo alla disperata ricerca di un posto nel mondo. Nel cast anche Vincent Cassel, che interpreta un padre amorevole col figlio durante la sua infanzia, ma fuggito lontano da casa per nascondere una colpa più grande di lui.

 

Remanso, piccolo paesino brasiliano, 1963. Tony (Johnny Massaro) torna a casa dopo essere stato nella capitale a studiare e si appresta a cominciare la sua carriera di professore. Al suo rientro il giovane si aspetta una calorosa accoglienza, invece dovrà fare i conti con un fatto inaspettato. Proprio mentre lui scende dal treno, suo padre Nicolas (Vincent Cassel) parte, intenzionato ad abbandonare la famiglia per tornare in Francia, sua terra natia. Tony è sconvolto, non capisce le motivazioni dell’atto dell’amato padre e non riesce a vedere un futuro senza lui al suo fianco. Gli anni passano, la sua carriera procede e l’amore che prova per la bella Luna (Bruna Linzmeyer) riaccende in lui la passione per la vita. Ma Tony non può sapere che di lì a poco qualcosa di sconvolgente sta per accadere, qualcosa che è destinato a minare tutte le sue certezze.

A Movie Life comincia dunque con uno scambio di treni, con un arrivo ed una partenza. Un padre ed un figlio che erano stati così legati ed affezionati l’uno all’altro incrociano le loro strade per un’ultima volta. Senza potersi raccontare i propri sogni, senza potersi confidare i loro segreti più nascosti. In un solo istante la vita di Tony sembra cambiare irrimediabilmente, vedendo svanire la possibilità di continuare a crescere con la persona che più aveva ammirato ed amato da bambino. Nel rito di passaggio più importante della vita, il giovane comprende l’importanza degli affetti più cari e dei rapporti con le persone, fatti di piccoli gesti ma soprattutto di amore. Quell’amore indiscusso che Tony nutre anche per la letteratura e per il cinema, tema chiave di A Movie Life perchè proprio “il cinema” darà una svolta fondamentale alla storia personale del protagonista.

Il tono poetico del film viene sottolineato e accresciuto da una calda fotografia color seppia e dalla struggente colona sonora, nella quale troviamo anche la meravigliosa Hier Encore di Charles Aznavour. La regia di Selton Mello, composta e garbata, segue intimamente la vicenda del protagonista contribuendo a legare emotivamente lo spettatore alle sue peripezie. Ancora una volta ci accorgiamo di quanto l’amore sia il motore di A Movie Life, sia esso quello per un padre, per una donna o per la vita. Lo scioglimento della trama è affidato ad uno struggente dialogo in cui la storia narrata si fa racconto diegetico, tramutando la finzione filmica in un poetico accostamento con le nostre vite. Ma per citare le parole che Tony è solito ripetere ogni volta che racconta una storia, “il finale non ve lo posso raccontare”.

 

VOTO 8,5

 

Dati tecnici di A Movie Life

TITOLO: A Movie Life
TITOLO ORIGINALE: O Filme da Minha Vida
REGIA: Selton Mello
SOGGETTO: Antonio Skármeta
SCENEGGIATURA: Selton Mello, Marcelo Vindicatto
DURATA: 113’ minuti
GENERE: drammatico
PAESE: Brasile, 2017
CASA DI PRODUZIONE: Bananeira Filmes
FOTOGRAFIA: Walter Carvalho
MONTAGGIO: Màrcio Hashimoto
CAST: Johnny Massaro, Vincent Cassel, Bruna Linzmeyer, Selton Mello, Ondina Clais, Bia Arantes, Martha Nowill, Rolando Boldrin, João Pedro Prates

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook