ROMA 2017 | #Day1: Scott Cooper e Christoph Waltz. Che la Festa cominci!

ROMA 2017 | #Day1: Scott Cooper e Christoph Waltz. Che la Festa cominci!
Detroit di Kathryn Bigelow

Hostiles, western con Christian Bale

Si apre con un film western la 12ma edizione della Festa del Cinema di Roma: Hostiles di Scott Cooper. Un road movie nel selvaggio Ovest che sa intersecare la classicità della storia ad un dramma che va ben oltre gli Stati Uniti d’America di fine ‘800. Nel cast un irresistibile Christian Bale nei panni di un capitano dell’esercito americano che deve riportare a casa un guerriero Cheyenne in punto di morte (Wes Studi). Lungo la traversata la truppa incontra una giovane donna distrutta dall’uccisione dell’intera sua famiglia, da parte di un gruppo di Comache. La vedova è interpretata da una Rosamund Pike commovente, la cui recitazione di silenzi e sguardi assenti non può che renderla una seria candidata ai prossimi Oscar.

Christian Bale in Hostiles

Leggi qui la nostra recensione di Hostiles.

Christoph Waltz incontra il pubblico di Roma

E’ uno sbarbatissimo Christoph Waltz il primo ospite di Roma 2017. L’attore viennese si è raccontato ed ha spiegato ad Antonio Monda la sua idea di cinema senza troppi peli sulla lingua. Ha detto infatti di detestare i social network e la mania dei selfie, di preferire i ruoli da villain a quelli canonici e, ovviamente, di avere un rapporto lavorativo speciale con Quentin Tarantino. Come non crederci, visto che con il regista di Knoxville l’attore austriaco ha vinto ben due Oscar (per Bastardi senza gloria (2009) e Django Unchained (2012)). I film di Tarantino – afferma Waltz – nascono tutti nella testa del regista, in ogni singolo particolare. Tant’è che lui poi si ritrova a non dover aggiungere molto rispetto a ciò che legge sul copione. «Tarantino è un regista barocco, Polanski – con cui Waltz ha recitato in Carnage – è un regista classico

Detroit di Kathryn Bigelow

Una storia cruda, di quelle in cui la violenza sembra volersi appellare in tutto e per tutto ad un principio artaudiano di catarsi. Detroit, decimo film della regista californiana Kathryn Bigelow, è un film ispirato a fatti realmente accaduti. Nella Detroit di fine anni ’60, la polizia si rese protagonista di una vera e propria guerra civile nei confronti della popolazione afro-americana. Uno degli episodi più sanguinosi degli ultimi cinquant’anni, che però fa pensare sin troppo alla ciclicità della storia, ed alla sua beffarda voglia di riproporsi ogni volta con attori diversi e con la medesima crudeltà.

Detroit di Kathryn Bigelow

Per leggere il programma completo della Festa del Cinema di Roma 2017 clicca qui.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook