UN PROFILO PER DUE | Non è mai troppo tardi per innamorarsi

UN PROFILO PER DUE | Non è mai troppo tardi per innamorarsi

Al cinema il 31 agosto il nuovo film di Stéphane Robelin col grande Pierre Richard, Yaniss Lespert e Fanny Valette.

Dalla morte della moglie, l’ottantenne Pierre non ha più stimoli e continua a trascinare la propria vita ricordando unicamente i bei momenti del passato. Qualcosa però sembra cambiare quando sua figlia gli regala un computer e lo costringe a seguire delle lezioni d’informatica impartite dal giovane Alex. Superata una certa riluttanza, il nostro anziano protagonista si ritrova catapultato nella rete sociale del mondo moderno, dov’è così semplice relazionarsi con gli altri e stringere nuovi legami. Tramite un sito d’incontri conosce l’attraente e giovane Flora e sembrano rifiorire in lui emozioni spente da tempo. Quando la donna gli propone un incontro, Pierre capisce che un solo escamotage può far sì che questo nuovo gioco non termini troppo presto: convincere Alex ad andare al suo posto.

È una commedia fresca e di una comicità intelligente quella che Stéphane Robelin ci regala. Sembra quasi una trasposizione cinematografica del capolavoro di Edmond Rostand, Pierre è essenzialmente un Cyrano dei nostri tempi, che non scrive versi ma messaggi elettronici e che non è bloccato dal suo naso ma dalla sua età. Fortunatamente in questo caso abbiamo a che fare con una commedia dagli esiti ben diversi dal dramma di Rostand.

Robelin ama avvicinare il pubblico a storie di anzianità, lo abbiamo già visto in E se vivessimo tutti insieme?, dove un gruppo di anziani sceglie di vivere sotto lo stesso tetto, rifiutando di passare gli ultimi anni della loro vita in un ospizio. Il regista francese ha ammesso di essere affascinato dalla vecchiaia e da come tutto possa sembrare più complicato quando s’invecchia: “Si attraversa una nuova fase della vita, si cercano soluzioni e si combattono nuove battaglie. Per me la definizione di eroe è qualcuno che combatte e accetta un certo numero di cambiamenti nella propria esistenza”. È esattamente quello che fanno i personaggi delle sue storie. Nonostante la loro età cercano di conservare la propria autonomia e non si arrendono a vivere come dei vecchi rottami.

Un Profilo per due è anche un film che affronta la discussione sul rapporto tra generazioni, allo scambio piacevole che può nascere quando ci relazioniamo con persone che non ci sono coetanee ma che vivono ugualmente intorno a noi, nel nostro mondo. Il rapporto tra Pierre e Alex è il rapporto tra un anziano signore e un ragazzo che potrebbe benissimo essere suo nipote. Ognuno dei due può e dovrebbe imparare qualcosa dall’altro, basta solo un po’ di pazienza e il desiderio di mettersi in gioco, di non restare bloccati nelle proprie unilaterali concezioni e prospettive. È un film dove i protagonisti possono crescere nel modo più sano del termine, stando vicino agli altri, imparando dalle loro differenze. Il nostro è, soprattutto oggi, un mondo che cambia continuamente e sebbene gli anziani di adesso siano stati un tempo dei giovani ragazzi pieni di sogni, lo erano in un contesto diverso, con stimoli del tutto differenti. Oggi il concetto di ‘crescita’ si sta rinnovando. Se prima la crescita era in un certo senso conclusa con la fase adulta, ora è un processo che continuiamo fino alla fine. Diventa molto più difficile arrivare a un momento in cui siamo ‘definitivamente’ cresciuti, siamo alle prese con nuovi strumenti e nuovi orizzonti di conoscenza che ci fanno spesso sentire bambini alle prime armi. S’invecchia ma non necessariamente si cresce.

Internet ha cambiato tutto, ha offerto nuove possibilità di comunicare, viaggiare e innamorarsi. Per la maggior parte di noi può risultare normale conoscere qualcuno su una chat, innamorarsene e porre fine al tutto in un brevissimo lasso di tempo. Quando ad essere giovane era Pierre le cose non andavano esattamente allo stesso modo. Per non rimanere indietro, l’anziano eroe imparerà allora ad adattarsi ai nuovi tempi e capirà che nella vita c’è sempre spazio per nuove emozioni e nuovi divertenti colpi di scena.

 

VOTO: 7

 

Dati tecnici UN PROFILO PER DUE

 

TITOLO ORIGINALE: Un profil pour deux

TITOLO ITALIANO: Un profilo per due

DISTRIBUZIONE: Officine UBU

USCITA ITALIANA: 31 Agosto 2017

DURATA: 100 minuti

PAESE e ANNO: Francia/Germania/Belgio – 2017

GENERE: Commedia

REGIA: Stéphane Robelin

CAST: Pierre Richard, Yaniss Lespert, Fanny Valette

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook