LA PRIMA VACANZA NON SI SCORDA MAI | Una storia d’amore 2.0

LA PRIMA VACANZA NON SI SCORDA MAI | Una storia d’amore 2.0

La recensione di La prima vacanza non si scorda mai

Ad un certo punto di La prima vacanza non si scorda mai il riferimento principale del film esce allo scoperto: Marion e Ben (rispettivamente Camille Chamoux e Jonathan Coen), teneramente abbracciati, citano Il sorpasso di Dino Risi.
Perché in questa commedia targata Patrick Cassier c’è davvero tanto del capolavoro interpretato da Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignan.
Ma procediamo con ordine. Marion e Ben sono due persone apparentemente antitietiche: spensierata, libertina e con una forte propensione artistica lei, ipocondriaco, mammone ed abitudinario lui.
Il secolo dell’ iperconnessione offre però delle opportunità per conoscere e frequentare personaggi difficili anche solo da immaginare, e così Tinder diventa il solo modo per agganciare una coppia che pare già avere i minuti contati.

Nonostante le differenze, i due decidono di partire insieme per una vacanza in Bulgaria prenotando una stanza direttamente su AirBnB. Inizia allora un road movie strampalato in cui Marion e Ben cominciano a contaminarsi, a conoscere uno i limiti dell’altra, scoprendo contemporaneamente paesaggi selvaggi e situazioni da teatro dell’assurdo (tra le scene più divertenti, il periodo che Marion e Ben decidono di passare in una comunità hippy che vive in un bosco).

La prima vacanza non si scorda mai
Patrick Cassier mette da parte ogni velleità autoriale proponendo uno stile di regia essenziale, totalmente al servizio della sinossi e dei tempi comici dei due protagonisti. Del resto la coppia che ha assortito sembra funzionare sin dalle prime battute e mantiene alte le prerogative iniziali per tutta la durata del film.
Insomma, La prima vacanza non si scorda mai è un lavoro intelligente che, proprio come i migliori lungometraggi del genere, analizza il presente senza troppe sovrastrutture retoriche.
Startup come Tinder e AirBnb sono viste come opportunità nuove ed irripetibili, non come demoni che muteranno in peggio le abitudini di tutti.

Il monito, allora, sembra proprio essere che nella vita ci si dovrebbe lasciare andare quasi ogni giorno. Essere leggeri è importante, uscire dalla propria comfort zone altrettanto. Per certi aspetti allora questo film di Cassier ricorda un altro riferimento italiano ben più presente, ed è l’ultima stand-up comedy di Francesco De Carlo caricata su Netflix. Anche in quello show (che non a caso si chiama Cose di questo mondo) è prepotente l’attualità, la necessità di uscire dalle zone di confort per aprirsi a nuove esperienze, a nuove culture e, chissà, anche all’amore della propria vita.

Voto: 9/10

Scheda Tecnica di La prima volta non si scorda mai

TITOLO ORIGINALE: Premières Vacances
USCITA: 20 giugno 2019
REGIA: Patrick Cassir
SCENEGGIATURA:Patrick Cassir, Camille Chamoux
DURATA: 102 minuti
GENERE: commedia
PAESE: Francia, 2019
DISTRIBUZIONE (ITALIA): Wonder Pictures
FOTOGRAFIA: Yannick Ressigeac
MONTAGGIO: Stephan Couturier
MUSICHE: Alexandre LierSylvain OhrelNicolas Weil
CAST:  Camille ChamouxJonathan CohenCamille CottinJérémie ElkaïmVincent Dedienne

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook