RFF13 | BAYONETA | Un pugile sanguinante tra la neve della gelida Finlandia

RFF13 | BAYONETA | Un pugile sanguinante tra la neve della gelida Finlandia

L’anno scorso alla Festa del Cinema di Roma era stato presentato un film di una crudezza e di una potenza ugualmente impressionanti: parliamo di A Prayer Before Dawn, storia vera della redenzione di un combattente di muay thai in un carcere thailandese. Quest’anno si torna invece al caro vecchio pugilato con Bayoneta di Kyzza Terrazas, purtroppo con ben altri risultati. Un film che esplora l’animo di un pugile messicano che ha deciso di fuggire dopo un incidente sul ring, ma che fallisce nel tentativo di trasportare lo spettatore nei tormenti del protagonista.

Bayoneta

Miguel Bayoneta è il pugile più agile della sua categoria. Ha vinto un oro olimpico per il suo paese e sul ring non sembra avere rivali. Miguel Bayoneta un giorno uccide un avversario sul ring. Un incontro lungo, sfiancante, che gli arbitri non decidono di interrompere per mandare avanti lo spettacolo. Un colpo troppo forte sul volto dell’altro combattente che cade, si rialza, e poi precipita di nuovo al tappeto, questa volta per sempre. La vita di Miguel non sarà più la stessa. Abbandona moglie e figlia e scappa lontanissimo, fino alle fredde lande ghiacciate della Finlandia. Per rifarsi una vita decide di aiutare il suo ex-allenatore ad insegnare i suoi movimenti ad un pugile finlandese. Ma la situazione economica della palestra non è delle migliori e per tirare avanti c’è bisogno che Miguel faccia qualcosa. Si rimette i guantoni e ricomincia ad allenarsi, perché combattere è l’unica cosa che abbia mai saputo fare in vita sua.

Bayoneta

Sarà colpa della gelida ambientazione, sarà colpa delle tante parole non dette: fatto sta che Bayoneta è uno di quei film che stentano a decollare. Procede lento verso un epilogo che in larga parte già conosciamo, senza aggiungere nulla di nuovo al genere pugilistico. Per carità, Bayoneta non è un film fatto male, le scene di pugilato sono ben girate e la violenza dei colpi è resa in tutta la loro veemenza. Quello che manca è un po’ di mordente, quel pizzico di inventiva in più. Osare, prendersi dei rischi: non sembrerebbero delle richieste così azzardate. Soprattutto per un cineasta giovane come Terrazas, che ha evidenti qualità nella realizzazione della messinscena. Bastava veramente poco, anche perché l’interprete principale, Luis Gerardo Mendez, si rende protagonista di una gran bella prova attoriale ed è probabilmente la cosa meglio riuscita del film. Un’occasione mancata di pochissimo per portare sullo schermo una storia interessante.

 

VOTO 5,5

 

Dati tecnici di Bayoneta

TITOLO: Bayoneta
REGIA: Kyzza Terrazas
SCENEGGIATURA: Rodrigo Marquez-Tizano, Kyzza Terrazas
DURATA: 95 minuti
GENERE: drammatico
PAESE: Messico, Finlandia, 2018
PRODUZIONE: MRP Matila Röhr Productions, Woo Films
FOTOGRAFIA: Guillermo Garza
MONTAGGIO: Yibran Asuad
CAST: Luis Gerardo Méndez, Brontis Jodorowsky, Joonas Saartamo, Laura Birn, Ilkka Koivula

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook