UN NEMICO CHE TI VUOLE BENE | Diego Abatantuono tra thriller e commedia

UN NEMICO CHE TI VUOLE BENE | Diego Abatantuono tra thriller e commedia

Cosa faresti se un killer a pagamento ti offrisse i suoi servigi gratuitamente, avendo così la possibilità di eliminare qualcuno dalla tua vita, di individuare un nemico e di farlo uccidere senza subirne le conseguenze?
Questo è l’incipit di “Un nemico che ti vuole bene”, una produzione italo-svizzera con protagonisti Diego Abatantuono e Antonio Folletto, in sala dal 4 ottobre distribuito da Medusa.

Enzo Stefanelli (Diego Abatantuono) è un professore universitario di astronomia che in una notte di pioggia si imbatte in un ragazzo ferito da un colpo di arma da fuoco. Dopo avergli salvato la vita Enzo scopre la sconcertante verità, il giovane Salvatore (Antonio Folletto) è un assassino di professione, un sicario prezzolato della mafia napoletana, che spinto dalla gratitudine verso l’uomo che l’ha salvato gli promette di trovare e uccidere un suo nemico, chiunque esso sia. Ovviamente Enzo rifiuta, affermando di non avere nemici, ma il killer non accetta un no come risposta e finisce così per entrare nella vita del professore alla ricerca della persona che sospetta gli stia rovinando la vita, fermamente convinto che ognuno di noi abbia un nemico da eliminare.

Ma chi potrebbe essere il nemico di un mite docente accademico?

Entra qui in scena il variegato gruppo di amici, colleghi e parenti che riempiono la vita di Enzo interpretati da un cast scoppiettante, sarà uno di loro il bersaglio del sicario?
Forse è Claudio Petrazzi (Antonio Catania) collega del professore ricoperto di una fama immeritata, oppure il rettore che stenta a finanziare la ricerca di Enzo, o perché no il suo assistente.
Ma la serpe può anche nascondersi in seno alla famiglia, composta dall’indisponente madre (Sandra Milo), dal fratello prete Don Gregorio (Roberto Ciufoli), dal figlio adolescente e dalla figliastra sempre in cerca di soldi, dalla moglie Angela e il suo ex-marito Pietro (Massimo Ghini).

È proprio questa ricerca del bersaglio l’asse portante del film in un ribaltamento delle dinamiche classiche del thriller in cui la suspense consiste nello scoprire chi sarà il cadavere e non chi sarà l’assassino. A rendere il tutto più interessante è anche la continua evoluzione del rapporto tra Enzo e Salvatore, reso credibile dalla buona alchimia raggiunta da Abatantuono e Folletto, il professore troverà infatti nel killer qualcosa di simile ad un amico che a modo suo lo aiuterà ad aprire gli occhi sulle persone che lo circondano.

L’obbiettivo dichiarato dal regista Denis Rabaglia è stato quello di mantenere l’equilibrio tra divertimento e tensione, ha infatti affermato che “il film poteva essere un thriller molto cupo e abbiamo provato a percorrere questa strada per un po’. Però, alla fine, siamo arrivati alla commedia nera, o più precisamente alla black comedy.” “Partendo dai primi quindici minuti qualcun altro avrebbe potuto fare un film completamente diverso”.

Questa ricerca di equilibrio è però forse un punto debole del film, che in alcuni momenti sembra camminare con il freno a mano tirato e non riesce a compiere uno slancio importante né in una direzione né in un’altra, restando comunque una buona commedia dalle tinte fosche.

VOTO: 6

Dati tecnici UN NEMICO CHE TI VUOLE BENE

 

DISTRIBUZIONE: Medusa

PRODUZIONE: Falkor Production, Turnus Film, Viva Productions

USCITA ITALIANA: 4 ottobre 2018

DURATA: 97 minuti

PAESE e ANNO: Italia, Svizzera, 2018

GENERE: Commedia

REGIA: Denis Rabaglia

SCENEGGIATURA: Heidrun Schleef, Denis Rabaglia, Luca De Benedittis, Diego Abatantuono, David McWater

FOTOGRAFIA: Markus Huersch

CAST: Diego Abatantuono, Antonio Folletto, Sandra Milo, Roberto Ciufoli, Antonio Catania, Massimo Ghini, Mirko Trovato, Annabella Calabrese, Gisella Donadoni, Ugo Conti, Paolo Ruffini

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook