LE MERAVIGLIE DEL MARE | negli abissi per salvare il mare

LE MERAVIGLIE DEL MARE | negli abissi per salvare il mare

Dal 17 Maggio esce nelle sale “Le meraviglie del mare”, un film documentario di Jean-Michel Cousteau e Jean-Jacques Mantello. Con la voce di Arnold Schwarzenegger la pellicola ci introduce nel mondo degli abissi marini. Il regista Cousteau s’imbarca con i suoi figli in un viaggio dalle Fiji alle Bahamas, alla scoperta degli oceani per realizzare un ambizioso progetto sostenuto dall’associazione Marevivo, dalla Marina Militare Italiana, da Sky Un Mare da Salvare, dall’acquario di Genova e dalla North Sails. Molti partner si sono impegnati per la registrazione di un racconto unico. Alle radici del documentario c’è la volontà di riprendere il mare, le sue misteriose e affascinanti profondità per trasmettere allo spettatore il desiderio di combattere contro quel mostro che compare, ogni tanto, anche nella proiezione: l’inquinamento.

Risultati immagini per le meraviglie del mare film immagini

Di fronte alla meraviglia del mare deve svegliarsi la coscienza degli uomini per la sua salvaguardia. Per questo Jean-Michel, i suoi figli, Celine e Fabien, decidono di fare delle loro avventure sottomarine un racconto che costeggia barriere coralline, visita specie rarissime e gioca con gli squali. La loro nave ci conduce in posti dove il livello di biodiversità è altissimo e ci fa assistere ad una serie di avvenimenti “annuali” dell’ecosistema marino. Tutto nasce dalla viscerale passione per il mare e dallo straordinario istinto ambientalista della famiglia Cousteau. Già il padre di Jean-Michel faceva immersioni subacquee.

Risultati immagini per le meraviglie del mare film immagini

Nelle immersioni filmate, la volontà dei registi di alimentare le coscienze ambientaliste fa leva su due caratteristiche imprescindibili dell’oceano. La prima è che esso è necessario per la nostra vita, quando noi non lo siamo per la sua. Questa affermazione esce dalla bocca saggia di un uomo di mare come Jean-Michel. La seconda trapela dalla trama del documentario: nell’oceano tutto naturalmente vive e continua la sua vita. Un ecosistema funzionante secondo leggi naturali di “prepotenza” di specie, potremmo dire. Ma, in un certo senso, popolato anche da un forte sentimento di solidarietà. E’ emozionante, a mio parere, vedere dei gamberetti si nutrano pulendo le gengive delle murene, e quest’ultime sono disposte a tollerare il fastidio provocato dalla pulizia dei denti. Questa è la cornice entro cui si svolgono gli avvenimenti.

Il dipinto, quindi, è quello di un mare estremamente vivo e ricco di vita, che noi mettiamo in pericolo, senza volercene renderne conto, o facendolo solo in parte.

Risultati immagini per le meraviglie del mare film immagini

Le parole di Jean-Michel Cousteau sono esemplificative del messaggio della pellicola.

“Le Meraviglie del mare ci fa riflettere sul fatto che ogni respiro,ogni boccata d’aria proviene mare. Mi piacerebbe che i giovani, la classe dirigente del futuro, abbiano accesso a queste informazioni, non solo per imparare cose nuova, ma anche per proteggere l’ecosistema marino. Senza un mare pulito non ci può essere vita nemmeno sulla terra. Proteggere il mare significa proteggere noi stessi e le generazioni future”. Questa consapevolezza nasce dall’importanza che l’acqua ricopre per l’essere umana e ancor più nello specifico per la fondamentale necessita di un acqua pulita. L’acqua è risorsa limitata e “vive” all’interno di un ciclo. Inquinarla vuol dire compiere un’azione per cui è difficile rimediare. Non tutti hanno piena consapevolezza di certe dinamiche che danneggiano pesantemente il mondo e nello specifiche quello marino. Per questo poi Costeau dice di aver trovato in Arnold Schwarzenegger, un amico con cui condividere un’idea e lottare insieme per difenderla. Aggiunge inoltre di essere stato colpito dalla sua professionalità e passioni nel calarsi ad essere la voce narrante della proiezione.

Risultati immagini per le meraviglie del mare film immagini

D’altra parte Schwarzenegger ammette di essere stato folgorato dal progetto di raccontare il meraviglioso mondo del mare per smuovere le coscienze ambientaliste. “Un mare pulito significa un mondo pulito”, dice e aggiunge: “è un film geniale perché vi farà venire voglia di andare a prendere una bombola da sub e immergervi sott’acqua per andare ad esplorare i fondali”.

Immagine correlata

Come già accennato la soluzione artistica del documentario funziona e, del resto, era, già, insita in una frase del padre di Jean-Michel, il capostipite di una discendenza di sub: “La gente protegge quello che ama”. L’obiettivo delle riprese è,dunque, quello di travolgere lo spettatore attraverso immagini fantastiche e realizzate con tecniche fotografiche all’avanguardia. Per questo aspetto sono state fondamentali le riprese subacquee in 3D in risoluzione 4K. E’ possibile, infatti, grazie a questi mezzi vedere anche organismi minuscoli e ripercorrere tuta la catena alimentare marina, per comprendere l’estrema genuinità di un mare, la cui salute, purtroppo, è messa a repentaglio dalla incoscienza umana e dal suo desiderio di dominio. E’ doveroso, infine, lasciarsi affascinare dalle profondità azzurre e salvaguardarle.

VOTO 7.5

TITOLO Le Meraviglie del mare 3D

DURATA 85 minuti

GENERE film-documentario

PRODUZIONE Arnold Schwarzenegger, Francois Mantello

REGIA Jean-Michel Cousteau e Jean-Jacques Mantello

SCENEGGIATURA David Chocron e Francois Mantello

FOTOGRAFIA Gavin Mckinney, Jean-Jacques Manello

CAST  Jean-Michel Cousteau, Cèline Cousteau, Fabien Cousteau, Arnold Schwarzenegger.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook