Tanto per…cambiare, a Napoli vince ancora l’abusivismo!

Il fenomeno si ripropone puntualmente a Posillipo in ogni stagione estiva. Parcheggiatori senza autorizzazione chiedono l’inevitabile “mazzetta”, mentre pulmini privati, senza permesso, improvvisano il servizio di trasporto lungo le discese.

Far rispettare la legalità a Napoli, tema tanto decantato da De Magistris, dopo la sua elezione a sindaco della città, è davvero difficile. A Posillipo, quartiere della Napoli “bene”, puntualmente con l’arrivo della stagione estiva si riprone il problema del “parcheggio abusivo sul litorale posillipino.

Il fenomeno è soprattutto evidente nei pressi degli stabilimenti balneari “Bagno Elena”, “Ideal” e “Sirena” (piazza Donn’Anna), dove parcheggiatori senza autorizzazione consentono ai bagnanti, che arrivano in auto o su motorino dal centro cittadino di parcheggiare lungo i margini dei marciapiedi delle due carreggiate ( moltissimi sono i veicoli a due ruote disposti in fila…!), creando molti problemi alla circolazione veicolare e al trasporto pubblico specialmente il sabato e in misura maggiore la domenica mattina. ” In questa zona i controlli dei vigili sono rari”. Ci dice, Marco che abita a poco distanza dagli stabilimenti balneari. “Qualche volta – precisa il cittadino – pattuglie di vigili si fermano, eseguono qualche verbale, bloccono qualche veicolo fermo in sosta vietata con le canasce e poi ripartono, senza più tornare. Occorrerebbero, invece, controlli continui di agenti per scoraggiare gente senza scrupolo, che non rispetta nessuno, contravvenendo ogni divieto, anche quello di sosta permanente.” Controlli e legalità che, come ci dice una lettera giunta in redazione, vengono ignorati anche in via Ferdinando Russo, una stradina in discesa senza uscita che porta a mare, a pochi chilometri più avanti, sempre lungo via Posillipo. Anche qui, da giugno a settembre, come disposto da un’ordinanza comunale  per via Marechiaro, ( un’altra strada senza uscita) scatta ogni anno il divieto di circolazione per i veicoli dei non residenti. In seguito a questa segnalazione, siamo andati sul posto per verificare la situazione ed abbiamo scoperto, tramite le testimonianza di qualche abitante e qualche “clic” fotografico episodi sconcertanti.

“E’ assurdo e ridicolo – ci dice Luigi E., che abita in zona quello che succede all’imbocco della discesa di via F.Russo che porta a mare con i vigili che giustamente vietano l’accesso delle auto alla discesa ai non residenti, ma che invece consentono  il servizio a pagamento e  senza autorizzazione di pulmini privati, per il trasporto a destinazione dei bagnanti. Molte volte – continua Luigi – il pulmino navetta in attesa dei clienti, addirittura parcheggia proprio in prossimità del posto di controllo, con i vigili che, assurdo, sembrano voltare le spalle alla legalità!”

servizio esclusivo di Luigi Rubino

15 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook