Nasce a Napoli un nuovo porto turistico. Sorgerà a S. Giovanni a Teduccio

Servizio di Luigi Rubino

Quattro anni e sei mesi questo è il tempo della realizzazione della costruzione del nuovo porto turistico di Napoli che sorgerà in località Vigliena ( quartiere: S. Giovanni a Teduccio). La posa della prima pietra a mare è avvenuta in una manifestazione alla quale hanno partecipato il sindaco di Napoli De Magistris, i Presidenti dell’Autorità portuale Luciano Dassatti e quello di Porto Fiorito , Claudio Fogliano, il Comitato permanente “NaplEst”, presieduto da Marilù Faraone Mennella, che ha già in progetto una serie di interventi urbani integrati nei quartieri orientali della città,  Autorità cittadine, regionali ed imprenditori.

Terminata la prima fase, con la bonifica delle aree, effettuati dal Commissariato di Governo e la società ” Porto Fiorito” il progetto entra nella fase due. Napoli avrà un porto turistico di grande importanza ed attrazione che cambierà quasi sostanzialmente il paesaggio degradato ed abbandonato della zona orientale della città su gran parte del territorio, in prossimità del mare già nel 2013.  L ‘opera, inserita nei piani del comitato permanente ” Naplest ” e patrocinata dalla Regione, dal Comune di Napoli, dall’Autorità portuale e da un consistente numero di imprenditori, si integra perfettamente con tutta gli altri servizi che verranno realizzati nella zona ad est della città. Costo complessivo dell’intervento 120 milioni di euro. Il porto turistico che verrà costruito su una fascia costiera di circa 800 metri si articolerà su macro- aree come il bacino portuale e servizi corredati. Nell’area apposita ci sarà spazio per ospitare 850 imbarcazioni piccole e medie, tra cui 300 yachts fino a 50 metri di lunghezza. Verranno costruiti anche edifici per diportisti,, una stazione di bunkeraggio e uno Yachting Club, nel quale verranno collocati gli uffici del porto, un check point per la prenotazione di barche, ristoranti, escursioni, alberghi, charter nautici e aeronautici; tutto con videosorveglianza. ” Il commento dei clienti internazionali che hanno prenotato il loro posto in barca è stato positivo – ha detto il presidente di ” Porto Fiorito” Claudio Fogliano, anche perchè chi arriva al porto potrà sbarcare e passare alcuni giorni ormeggiando a Marina di Vigliana con le loro imbarcazioni e visitare  zone turistiche di grande importanza come Pompei, Ercolano, Capri, Ischia ed altre zone turistiche vicine.”  ” Questi sono lavori importanti per un’area strategica della città che va valorizzata con il porto turistico e gli insediamenti industriali ha detto il sindaco De Magistris – Con la realizzazione di quest’opera c’è la possibilità di offrire non solo sviluppo alla città, ma dare anche molti posti di lavoro ha poi proseguito il primo cittadino – e’importante che pubblico e privato marcino nella stessa direzione, disegnando la città che i napoletani vogliono, attraverso il coinvolgimento di tutti e degli imprenditori, nel rispetto della legalità e della buona amministazione, come è avvenuto a Torino.”



Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook