Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio per Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles, dove ho lavorato nel settore giuridico comunitario e Monaco di Baviera, dove ho insegnato la lingua dei padri in azienda e all'università (LMU). Mi piace la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Arrivando alla conclusione vagamente burlesque, che la vita è un gran bel teatro! E questo vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

Fondazione culturale San Fedele: dialogo e cultura al di là di ogni credo

C’è uno spazio culturale a Milano, dove multidisciplinarietà, contemporaneità e dialogo si fondono. E’ la Fondazione Culturale San Fedele. Per la Compagnia di Gesù (Gesuiti) infatti, chiamata dal Cardinal Schuster nel 1946 a riprendere l’impegno pastorale nella Chiesa di San Fedele, da poco ristrutturata, entrare nei processi di elaborazione della cultura, costruendo “nuova bellezza” e custodendo la preesistente, è grande…
Commenti

Teatro Carcano: la speciale promozione delle feste “Regala Il Grande Teatro”

Stufi dei soliti panettoni, torroni e tombolate? Di quelle giornate passate in una claustrofobica atmosfera dove tutto sembra ripetersi da sempre, dalle noiose battute dei parenti, al menù di capodanno, alle discussioni su chi invita chi, ai frizzi e lazzi? Per diventare diversi, cominciate a fare cose diverse; per esempio andate a teatro durante le festività, o meglio, regalatevi e…
Commenti

Al Carcano di Milano i Mummenschanz: la linguistica del silenzio e del movimento

Dal 26 novembre a domenica 1 dicembre 2013 al Teatro Carcano di Milano, si esibiscono  i Mummenschanz con la loro particolare forma d’arte. Si va per curiosità, per divertirsi ma ci si accorge presto, di quanto piacere ci possa essere nello scoprire fino a dove si può spingere il linguaggio del corpo e il talento per esprimerlo. Ci sono movimento,…
Commenti

Ferite a Morte al Carcano: quando il mostro è in casa

Trasposizione teatrale di un problema sociale e politico, dal 7 al 10 Novembre 2013, al Teatro Carcano di Milano Avevamo il mostro in casa; si, avevamo il mostro in casa e non me ne sono mai accorta; mio marito, è lui che mi ha ammazzato, dice una donna all’inizio dello spettacolo; e un’altra lo chiude dicendo: una cosa però non…
Commenti

Che ci faccio qui? Viaggio nell’enorme murales in movimento disegnato dai neo diplomati dell’Accademia Filodrammatici

Sul palco del Teatro Filodrammatici di Milano, in prima nazionale, dal 15 al 27 ottobre 2013,  va in scena Che ci faccio qui?, spettacolo  realizzato dai neo diplomati dell’Accademia dei Filodrammatici, con la regia di  Marco Baliani. Se è vero che “ i mediocri imitano e i geni rubano”, come amava ricordare Picasso, il titolo  è stato “rubato” dall’ultimo  libro…
Commenti
Pagina 60 di 69« Prima...102030...5859606162...Ultima »