Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio per Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles, dove ho lavorato nel settore giuridico comunitario e Monaco di Baviera, dove ho insegnato la lingua dei padri in azienda e all'università (LMU). Mi piace la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Arrivando alla conclusione vagamente burlesque, che la vita è un gran bel teatro! E questo vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

Lo Straniero con il suo bagaglio leggero, al Teatro Franco Parenti

Al Teatro Franco Parenti di Milano dal 24 al 27 maggio 2016, Fabrizio Gifuni ha portato “Lo straniero“, il romanzo di Camus inserito nella tetralogia dell’assurdo. Gifuni ne fa una lettura recitata ed evocativa in prima persona, nel suo abito bianco di lino, che sa di estate, di profumi di fiori, di luce del sole talvolta abbagliante. Sul palco, sulla…
Commenti

La stagione 2016/2017 del Piccolo Teatro: 70 anni di ricerca artistica e legame con Milano

La stagione 2016/2017 è una stagione importante per il Piccolo Teatro di Milano, che alla fine del 2016  metterà in scena la recita numero 25mila, perchè è la Numero 70. Niente retorica, sottolinea subito il direttore, Sergio Escobar in conferenza stampa, ma la consapevolezza e la responsabilità di vivere la memoria dell’irripetibile continuando sia la ricerca  di Strehler che quella…
Commenti

Il Turista, la psicologia dinamica di Bruno Fornasari

Al Teatro Filodrammatici l’ultimo lavoro di Fornasari, un diagramma  della psiche dinamica, fortemente influenzata da  condizionamenti personali e sociali Al Teatro Filodrammatici di Milano, sino al 22 maggio 2016, va in scena, in prima nazionale, Il turista, di Bruno Fornasari. Gimmi entra in scena, ancora un po’ assonnato. Ha preso una settimana di vacanza, in un posto non meglio identificato…
Commenti

Lisistrata, astinenza dall’uccello e pacifismo anti-litteram

La commedia di Aristofane sullo sciopero femminile del sesso, declinata da Stefano Artissunch al burlesque, tra risate, musica, costumi e atmosfere Immaginatevi la guerra del Peloponneso durata trent’anni, il più grande “sommovimento che sia mai avvenuto, per i Greci, una parte di barbari e, per così dire, per la maggior parte degli uomini”, come scrive Tucidide. Le donne dell’intera Grecia…
Commenti

I giganti della montagna di Latini, all’orlo del teatro

Roberto Latini porta dal 3 all’8 maggio 2016 al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano, I giganti della montagna, l’ultima opera rimasta incompiuta di Luigi Pirandello, morto nel 1936. Cura adattamento e regia, andando oltre il testo, rispettando solo l’indefinito del finale, in una sorta di spettacolo performance, non raccontando la storia, ma portando suggestioni, suoni, impressioni, immagini evocative; tutto…
Commenti
Pagina 59 di 77« Prima...102030...5758596061...70...Ultima »