Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio per Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles, dove ho lavorato nel settore giurico comunitario e Monaco di Baviera, dove ho insegnato la lingua dei padri in azienda e all'università (LMU). Mi piace la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Arrivando alla conclusione vagamente burlesque, che la vita è un gran bel teatro! E questo vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

Monteverdi e Caravaggio, suonar stromenti e figurar la musica

Il 2017 è un anno speciale per Cremona, città del violino, che, 450 anni fa, ha visto nascere Claudio Monteverdi. L’intera città, unita in un patto con la cittadinanza, insieme alle istituzioni e alla generosità di aziende private, celebra da aprile fino a fine 2017, il “Divin Claudio”, il compositore nato nel 1567 e morto a Venezia nel 1643 che…
Commenti

Il Piccolo Teatro presenta la sua settantesima stagione

Il Piccolo Teatro di Milano compie quest’anno 70 anni ed è orgoglioso di presentare la sua settantesima stagione 2017/18. Era il 14 maggio 1947 quando, in una Milano che aveva fatto della cultura il paradigma della rinascita postbellica, apriva questo grande Teatro. Strehler e Paolo Grassi lo vollero Teatro D’Arte per tutti, non “una decorosa sopravvivenza di abitudini mondane o…
Commenti

La Mia Napoli, atmosfere partenopee per l’ultimo concerto di Jazz al Piccolo

Con La Mia Napoli, si è conclusa lunedì 10 aprile 2017, al Piccolo Teatro Strehler di Milano, la XIX edizione di Jazz al Piccolo, Orchestra Senza Confini, organizzato dall’Associazione Culturale Musica Oggi in collaborazione con il Piccolo Teatro. L’ultimo appuntamento con la Civica Jazz Band, diretta da Enrico Intra, è stato un omaggio alla canzone partenopea e alle sue atmosfere…
Commenti

Abramo di Bencivenga, uomo e dio declinati in modi diversi

Dal 5 al 9 aprile 2017, al Teatro Filodrammatici di Milano, è andato in scena “Abramo” di Bencivenga con l’adattamento e la regia di Teresa Ludovico. “Abramo” si apre su una scena delimitata su tutti i tre lati da alte porte finestre metalliche. Sono persiane chiuse, che alla luce grigiastra, hanno un che di sinistro. Dalle poche stecche semiaperte, si…
Commenti

Non voltarti indietro, una storia d’amore

Il Teatro Filodrammatici di Milano sempre aperto all’innovazione e sperimentazione drammaturgica, onora però la tradizione. Per questo, in collaborazione con l’Accademia dei Filodrammatici, ha istituito il premio Pradella in ricordo di Riccardo Pradella, paroliere, attore e regista italiano (Dobbiaco, 1943 – Milano, 25 agosto 2012). Diplomatosi all’Accademia dei Filodrammatici di Milano con la medaglia d’oro nel 1966, è stato tutor…
Commenti
Pagina 30 di 63« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »