Manuel Giannantonio
Manuel Giannantonio
Giornalista, Responsabile esteri 2duerighe

Biografia

Manuel Giannantonio nasce a Foligno (PG) il 31 dicembre del 1985, si trasferisce con la famiglia in Francia poco dopo la nascita per tornare nel 1998 in Italia. Consegue il diploma in informatica industriale nel 2005 e si iscrive alla facoltà di scienze politiche relazioni internazionali dell’Università degli studi di Perugia. Collabora con alcune riviste della sua città e con l’ufficio stampa della Red Bull International. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con il quotidiano online 2duerighe.com del quale è ora responsabile degli Esteri occupandosi anche di attualità. Ha curato le elezioni repubblicane e presidenziali americane e ha pubblicato il libro inchiesta “Anonymous - Luce sulla guerra nell’ombra” (Gruppo Editoriale L’espresso S.p.A, 2013). Grande appassionato di sport, musica e di viaggi.

Post Autore

Primo ministro di colore nel nuovo governo. Ma a che punto è il razzismo nel nostro paese?

Il nuovo governo di Enrico Letta ha tra i suoi nuovi ministri Cècile Kyenge Kashetu, il primo ministro di colore nella storia del Parlamento italiano. A che punto è il razzismo nel bel paese ? Siamo davvero pronti a questo cambiamento epocale in linea con i governi delle più grandi potenze internazionali ? Le origini del razzismo sono antiche ed…
Commenti

La crisi e i giovani: una generazione malinconica

La crisi è un fenomeno che incide in maniera particolarmente negativa sulla società, in termini economici, bensì rappresenta un ritorno ad un’arretratezza politica e sociale; i ceti dirigenti invecchiano e i giovani restano sempre più spesso privi di occupazione. Nel corso degli ultimi anni l’insoddisfazione si è trasformata via via in insofferenza. Sempre più giovani laureati hanno preso la via…
Commenti

Corea del Nord: quanto dobbiamo temere il regime di Kim Jong Un?

La situazione della Corea del Nord sul fronte internazionale desta molti sospetti. Il regime di Kim Jong-Un minaccia la guerra nucleare contro gli Stati Uniti, che non sembrano essere preoccupati. Spunta in molti un interrogatorio: stiamo sottovalutando la Corea del Nord ? La realtà è che la Corea del Nord è perfettamente consapevole che un loro attacco causerebbe un’inevitabile reazione…
Commenti

Articoli

El SALVADOR: I salvadoregni eleggono il sesto presidente dopo la fine della guerra civile

I salvadoregni eleggono domenica il loro sesto presidente dalla fine della guerra civile che ha insanguinato il loro paese per 12 anni, con l’obbligo, tra gli altri, della sobrietà attraverso la legge che vieta il consumo di alcolici EL SALVADOR – Il sondaggio vede due giovani lupi della politica honduregna scontrarsi per un mandato presidenziale quinquennale non rinnovabile. Secondo gli…
Commenti

Libia: il drammatico ritorno degli sfollati a casa

“Abbiamo trovato la città saccheggiata, case in rovina, i nostri ulivi bruciati”. Seduto in quello che era il salotto della sua casa, Moftah racconta la sua delusione tornando a casa nella Libia occidentale dopo anni di esilio. AL-GOUALICHE (LIBIA) – Al-Goualiche arroccata sulle alture dei monti Nafusa, 120 km a ovest di Tripoli, ha pagato il prezzo del suo sostegno…
Commenti

IRAN: Una detenuta di origini britanniche fa lo sciopero della fame

LONDRA – Nazanin Zaghari-Ratcliffe, Lunedi ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la mancanza di accesso alle cure mediche,  e contro la pressione che subisce per spiare il Regno Unito, come detto da suo marito a Londra. Il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt ha convocato l’ambasciatore iraniano per chiedere che alla signora Zaghari-Ratcliffe venga dato “accesso immediato…
Commenti

USA: Trump sorprende tutti e ritira le truppe americane dalla Siria

Assicurando che gli Stati Uniti sconfiggeranno il sedicente Stato islamico, Donald Trump ha sorpreso davvero tutti, annunciato che le truppe statunitensi presenti in Siria dal 2000 sarebbero tornate a casa. Washington D.C, ansiosa di vedere crescere l’influenza dell’Iran nella regione, non approva la partenza di cui stava parlando prima di diventare presidente   WASHINGTON D.C – Donald Trump ha davvero…
Commenti

Dallo schiavismo sessuale al Nobel per la pace, la storia di Nadia Murad

Dopo mesi da sopravvissuta alle violenze del sedicente Stato islamico per mano dei jihadisti in Iraq, Nadia Murad, ha ricevuto lunedì il premio Nobel per la pace consacrandosi peraltro come portavoce rispettato per la minoranza yazidie rompendo un lungo silenzio OSLO –  Viso fino, grazioso e pallido incorniciato da lunghi capelli castani, questa giovane 25enne ha ricevuto il premio congiuntamente…
Commenti
Pagina 1 di 18012345...102030...Ultima »