Manuel Giannantonio
Manuel Giannantonio
Giornalista, Responsabile esteri 2duerighe

Biografia

Manuel Giannantonio nasce a Foligno (PG) il 31 dicembre del 1985, si trasferisce con la famiglia in Francia poco dopo la nascita per tornare nel 1998 in Italia. Consegue il diploma in informatica industriale nel 2005 e si iscrive alla facoltà di scienze politiche relazioni internazionali dell’Università degli studi di Perugia. Collabora con alcune riviste della sua città e con l’ufficio stampa della Red Bull International. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con il quotidiano online 2duerighe.com del quale è ora responsabile degli Esteri occupandosi anche di attualità. Ha curato le elezioni repubblicane e presidenziali americane e ha pubblicato il libro inchiesta “Anonymous - Luce sulla guerra nell’ombra” (Gruppo Editoriale L’espresso S.p.A, 2013). Grande appassionato di sport, musica e di viaggi.

Post Autore

Terrorismo internazionale: una situazione prevista o forse voluta

La leggenda di Al Qaeda e la minaccia di “un nemico esterno” è sostenuta da numerosi media internazionale dalla propaganda governativa. Nell’era post 11 settembre 2001, la minaccia terrorista di Al Qaeda costituisce la pietra angolare della politica militare degli Stati Uniti e della NATO che giustifica, attraverso un mandato umanitario, la condotta di operazioni antiterrorismo nel mondo. Documenti affiliati…
Commenti

Il fragile accordo sull’Ucraina

L’accordo sull’Ucraina strappato nel dolore, giovedì 12 febbraio a Minsk, è chiaramente fragile quanto imperfetto. Il proseguo della guerra Russa mascherata in Ucraina da quasi un anno, ha il suo corollario di tragedie quotidiane: vittime civili sempre più numerose, città rase al suolo e un flusso crescente di rifugiati. In questo contesto, la questione non è tanto sapere se fosse…
Commenti

Dopo l’attentato a “Charlie Hebdo”, qual è il limite della libertà di espressione?

La libertà di espressione è un principio assoluto, o almeno così dovrebbe essere, in Europa e in Francia, consacrata innumerevoli volte da testi antichi quanto sacri. “La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi dell’uomo: ogni cittadino può dunque parlare, scrivere, stampare liberamente, salvo rispondere dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla legge”,…
Commenti

L’ISIS e la propaganda del terrore

I recenti fatti targati ISIS, che hanno sconvolto il mondo e provocato la diplomazia internazionale con la barbaria primordiale della quale si è reso protagonista il soprannominato John, il Beatles, per la sua origine britannica, sono la testimonianza di un epoca pericolosa. L’ISIS è un’organizzazione nata dalla guerra in Iraq nel 2003. La prima formazione risale all’anno 2004 con l’obiettivo…
Commenti

La situazione a Gaza e le responsabilità palestinesi

Uno studio condotto da alcuni ricercatori di Montreal evidenzia le responsabilità dei governatori palestinesi, da Fata di Asserir Ararat, al governo di Bahamas. I ricercatori, evidenziano inoltre la corruzione del regime di Fata, apportando una valutazione quantitativa dei fondi palestinesi nelle banche locali e straniere. Hamas, non ha percepito la partenza di Israele dalla striscia di Gaza per quella che…
Commenti (1)

Articoli

El SALVADOR: I salvadoregni eleggono il sesto presidente dopo la fine della guerra civile

I salvadoregni eleggono domenica il loro sesto presidente dalla fine della guerra civile che ha insanguinato il loro paese per 12 anni, con l’obbligo, tra gli altri, della sobrietà attraverso la legge che vieta il consumo di alcolici EL SALVADOR – Il sondaggio vede due giovani lupi della politica honduregna scontrarsi per un mandato presidenziale quinquennale non rinnovabile. Secondo gli…
Commenti

Libia: il drammatico ritorno degli sfollati a casa

“Abbiamo trovato la città saccheggiata, case in rovina, i nostri ulivi bruciati”. Seduto in quello che era il salotto della sua casa, Moftah racconta la sua delusione tornando a casa nella Libia occidentale dopo anni di esilio. AL-GOUALICHE (LIBIA) – Al-Goualiche arroccata sulle alture dei monti Nafusa, 120 km a ovest di Tripoli, ha pagato il prezzo del suo sostegno…
Commenti

IRAN: Una detenuta di origini britanniche fa lo sciopero della fame

LONDRA – Nazanin Zaghari-Ratcliffe, Lunedi ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la mancanza di accesso alle cure mediche,  e contro la pressione che subisce per spiare il Regno Unito, come detto da suo marito a Londra. Il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt ha convocato l’ambasciatore iraniano per chiedere che alla signora Zaghari-Ratcliffe venga dato “accesso immediato…
Commenti

USA: Trump sorprende tutti e ritira le truppe americane dalla Siria

Assicurando che gli Stati Uniti sconfiggeranno il sedicente Stato islamico, Donald Trump ha sorpreso davvero tutti, annunciato che le truppe statunitensi presenti in Siria dal 2000 sarebbero tornate a casa. Washington D.C, ansiosa di vedere crescere l’influenza dell’Iran nella regione, non approva la partenza di cui stava parlando prima di diventare presidente   WASHINGTON D.C – Donald Trump ha davvero…
Commenti

Dallo schiavismo sessuale al Nobel per la pace, la storia di Nadia Murad

Dopo mesi da sopravvissuta alle violenze del sedicente Stato islamico per mano dei jihadisti in Iraq, Nadia Murad, ha ricevuto lunedì il premio Nobel per la pace consacrandosi peraltro come portavoce rispettato per la minoranza yazidie rompendo un lungo silenzio OSLO –  Viso fino, grazioso e pallido incorniciato da lunghi capelli castani, questa giovane 25enne ha ricevuto il premio congiuntamente…
Commenti
Pagina 1 di 18012345...102030...Ultima »