Manuel Giannantonio
Manuel Giannantonio
Giornalista, Responsabile esteri 2duerighe

Biografia

Manuel Giannantonio nasce a Foligno (PG) il 31 dicembre del 1985, si trasferisce con la famiglia in Francia poco dopo la nascita per tornare nel 1998 in Italia. Consegue il diploma in informatica industriale nel 2005 e si iscrive alla facoltà di scienze politiche relazioni internazionali dell’Università degli studi di Perugia. Collabora con alcune riviste della sua città e con l’ufficio stampa della Red Bull International. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con il quotidiano online 2duerighe.com del quale è ora responsabile degli Esteri occupandosi anche di attualità. Ha curato le elezioni repubblicane e presidenziali americane e ha pubblicato il libro inchiesta “Anonymous - Luce sulla guerra nell’ombra” (Gruppo Editoriale L’espresso S.p.A, 2013). Grande appassionato di sport, musica e di viaggi.

Post Autore

ll primo giro del mondo fu spagnolo?

la Royal Academy of History spagnola (RAH) ha diviso un rapporto, su richiesta del direttore del quotidiano conservatore ABC, per attestare ufficialmente “l’esclusiva paternità del giro del mondo” con la prima circumnavigazione della storia, realizzata per la maggior parte da Fernando Magellano. Una triste notizia, perché questo tipo di polemica ci dice sempre di più sul presente che sul passato,…
Commenti

La Corea del Nord sembra accordare importanza alla visita dei rappresentanti del Sud

Il “supremo leader” nord coreano, Kim Jong Un, appare alla maggioranza dell’immaginario collettivo come un guerrafondaio che si diverte a scagliare missili attraverso i ripetuti test missilistici. Un uomo a tratti goffo, con il suo aspetto che ricorda pittoreschi personaggi del mondo dei cartoni animati. I media internazionali diffondono le notizie che escono dal regime più chiuso del globo, contribuendo…
Commenti

Gerusalemme capitale d’Israele: le conseguenze dell’uscita di Trump

Riconoscendo Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico, Donald Trump compie un passo senza precedenti nella storia politica statunitense nei confronti degli interessi israeliani. Tuttavia, questa scelta esorta la regione a trovare una nuova unità. L’ultima uscita di “The Donald” certamente non ha contribuito a rinforzare la sua posizione già debolissima in Medio Oriente.  Probabilmente è riuscito nell’impresa di far rimpiangere…
Commenti

Catalogna: il dramma del referendum per l’indipendenza

Le immagini delle strade in rivolta di Barcellona e della Catalogna hanno fatto il giro del mondo nelle ultime ore. La tensione tra la centralità di Madrid, il governo spagnolo e tutto l’orgoglio catalano manifestato nella volontà di indipendenza hanno generato un clima di tensione decisamente rovente. Cosa ha generato questa situazione? Per tentare di capire la “crisi” che suscita…
Commenti

La preoccupante ondata di politica “fai da te”

Prima negli Stati Uniti, poi le Filippine, la Polonia, l’Ungheria, la vittoria del Brexit, la spinta elettorale in Germania, in Austria e ora i risultati dalla Francia. L’ondata di populismo si espande nel mondo. L’elezione di Donald Trump alla guida degli Stati Uniti ha provocato un sisma. L’uomo eletto presidente come candidato repubblicano senza nemmeno aver mai maturato un’esperienza politica,…
Commenti

Articoli

Cina: Wikipedia bloccata in prossimità dei 30 anni dei fatti di Tienanmen

Wikipedia non è più il benvenuto nel grande Impero. Già bloccata in Mandarino, l’enciclopedia online è inaccessibile in Cina in tutte le lingue da mercoledì PECHNO – Il noto sito unisce molti siti e servizi vietati dal governo. Google, Facebook, Twitter, Instagram e YouTube e molti altri media stranieri sono bloccati dalla “Grande Muraglia”. Secondo l’Open Observatory of Interference Network…
Commenti

Iraq: un anno dopo la disfatta dell’ISIS c’è da fronteggiare l’emergenza dei bambini per strada

La sconfitta dell’ISIS non è totale ad ora, ma progressivamente evidente. Tuttavia, se questa è una buona notizia, genera un altro problema preoccupante: quello dei bambini orfani della guerra che vivono mendicando. Un allarme umanitario di cui si discute poco MOSUL – Mohammed Salem, 12 anni, ha perso il padre ucciso a Mosul dai jihadisti. Abbandonato a se stesso, ha…
Commenti

GAZA: il rapper che vuole “colpire duramente come un cecchino”

GAZA – Con il rap, il palestinese, Ibrahim Ghunaim vuole “colpire duramente come un cecchino” per denunciare gli abusi di un regime autoritario Ibrahim Ghunaim, alias MC Gaza, viene dal villaggio di Safa, in Palestina. È cresciuto nella Striscia di Gaza. Ha iniziato a rappare nel 2005, dopo un concerto di Army of One a Gaza. Non ha mai voluto lasciar…
Commenti

Venezuela: Juan Guaido mantiene la pressione per la strada

Lo scopo del presidente autoproclamato è quello di mantenere la pressione sul presidente socialista Nicolas Maduro, tra i malumori dei venezuelani di fronte alla mancanza di acqua ed elettricità VENEZUELA – Come ogni volta negli ultimi anni, Chavismo, il movimento politico al potere, che non intende lasciare il campo aperto ai suoi avversari, chiede anche una contro-dimostrazione. “Siamo presenti in…
Commenti

Siria: disfatta territoriale dell’ISIS

L’autoproclamato “califfato” del gruppo dello Stato Islamico non esiste più. Questo è quanto è stato confermato sabato 23 marzo, dalle forze arabo-curde sostenute dagli Stati Uniti dopo aver preso il controllo della città di Baghouz SIRIA – La Casa Bianca aveva preceduto questo annuncio, nella serata di venerdì 22 marzo, le Forze Democratiche Siriane (SDF) annunciano la caduta di Baghouz,…
Commenti
Pagina 1 di 18112345...102030...Ultima »