Angela Grazia Arcuri
Angela Grazia Arcuri

Biografia

Nata a Roma quando ancora non esisteva in Italia l’universo web, conta un’attività giornalistica di lungo corso. Muove i primi passi presso l’ufficio stampa di una Confederazione di categoria, ma sua vera vocazione è la critica di costume. Da un’iniziale pubblicazione sul foglio satirico romano “Il Travaso delle Idee” e un primo premio letterario da “Il Pungolo” di Napoli, comincia a collaborare con alcuni quotidiani e periodici del centro-sud. Segnalata come giovane emergente al Premio Giornalistico Fiuggi, segue l’iscrizione all’Unione Stampa Turistica Italiana, specializzandosi in turismo, moda, arte e costume. Si iscrive all’Albo Giornalisti Pubblicisti. Consegue il terzo premio giornalistico INAIL. Nel contempo, si dedica alla novellistica con pubblicazioni su “Grazia” e “Donna Moderna” ed altri settimanali femminili milanesi e romani. Nel 2009 inizia l’avventura del web con 2duerighe, allora vivo il fondatore Leonardo Echeoni, fino alla nuova direzione con pezzi di satira politica e attualità varia nella rubrica “Sparolando – opinioni, costume e società”. Ama i giovani e scrive per i giovani, dai quali impara il “nuovo” ed ai quali dispensa qualche pillola di saggezza di una persona che non è mai stata saggia.

Articoli

ROMA CAPITALE : il malumore serpeggia sul filo

ROMA – A Roma ci sono anche le “isole felici” o, meglio, le “ strade felici”. Sono quelle dei quartieri bene, quelle dove risiedono personaggi della politica, gente di serie A che conta nei corridoi delle istituzioni. In queste oasi privilegiate, guarda un po’, non ci sono buche. In qualsiasi altra zona, invece, Roma è caput mundi dello slalom. Il…
Commenti

Art. 18: l’articolo più chiacchierato della grammatica italiana

Anziché “sciacquare i panni in Arno” da buon toscano, Renzi ha approfittato del suo recente tour americano per immergere i panni sporchi, vedi art.18, in un bagno di silicio. Ad attenderlo alla Silicon Valley il “buon” Marchionne, che da cicerone l’ha portato in giro per quella valle delle meraviglie dove si respira odore di microchips con la presenza di quei…
Commenti

Petrus Gonsalvus: il gentiluomo alla corte di Enrico II che ispirò la favola della “Bella e la Bestia”

Petrus Gonsalvus, nella sua singolarità, fu nella vita uomo di successo. L’ipertricosi che lo affliggeva e che destava sicuramente grande curiosità, anziché essere un limite finì per rivelarsi un “atout”. Grazie alle sue doti intellettuali, fu considerato uno dei personaggi più noti nell’ambiente aristocratico del XVI secolo. E questa è la sua storia. Nacque nel 1537 a Tenerife, discendente dei…
Commenti

La bellezza è un passaporto per la carriera politica di una donna?

E’ diventato argomento di moda nei salotti dell’intrattenimento. Per una donna che vuole fare politica la bellezza è un punto di vantaggio ? Sembra in realtà un argomento davvero ozioso, ma anche stimolante in un momento di particolare criticità, in cui s’avverte più forte la necessità di persone alla guida del Paese con in testa non uno ma due cervelli.…
Commenti

Pedro Barreto:lo scultore venezuelano che con il legno “ pintaba el sol y la luna”

L’eccellenza dell’arte sudamericana contemporanea ha purtroppo scarsa divulgazione in Europa a favore dei miti nordamericani consacrati. Il nostro vuole essere perciò un omaggio postumo allo scultore più rappresentativo delle arti plastiche in Venezuela, il Maestro Pedro Barreto (1935-2008), a sei anni dalla scomparsa che abbiamo appreso solo di recente e con particolare rammarico per averlo conosciuto. “La scomparsa di Barreto…
Commenti
Pagina 30 di 46« Prima...1020...2829303132...40...Ultima »