IHT LUXURYCONFERENCE: Bono Vox e Renzo Rosso per il “made in Africa”

ROMA – Moda per la salvezza! Renzo Rosso, fondatore del noto marchio di abbigliamento Diesel e dello stile Denim, vive interpretando a fondo il motto di punta della sua azienda: “Only the Brave”.  Mette in moto la sua energia in una fondazione per aiutare le imprese sociali in Mali e di altre parti dell’Africa.

Ali Hewson e suo marito Bono, il musicista leader carismatico della band irlandese degli u2  e filantropo per l’Africa, fondò il marchio Edun nel 2005 per creare la possibilità di lavorare agli artigiani di tutto il mondo. Questi autentici leader credono che la sostenibilità e la moda possano combinate insieme portare risultati importanti e chiariscono che  una partnership di natura solida con il mondo della moda può essere uno strumento essenziale e importantissimo per educare i clienti e fornitori di supporto.
L’ingresso di Bono è certamente di quelli che non passano inosservati, una volta raggiunta la sala della conferenza ha subito dichiarato: “la prima cosa che voglio ricordare è quanto i Governi del mondo amino firmare assegni per questo continente. Il problema, però, è che poi quei fondi non esistono o non vengono destinati”. Immediato l’intervento della moglie Ali Hewson. “Il cambiamento radicale che dobbiamo affrontare è di pensiero: l’Africa non è solo una realtà, è il futuro. Persino i cinesi ci si stanno spostando dopo aver fatto affari qui da tantissimi anni. Devo dire che Bernard Arnault e il Gruppo LVMH hanno fatto molto per questa causa. Ora il nostro obiettivo è di rendere più grande, più proficuo il marchio Edun. Io e mia moglie non vogliamo che sia solo un capriccio, una piccola iniziativa di beneficenza. Dobbiamo trovare un equilibrio tra virtù e desiderio”.

542826_4893723786617_1079620441_nPresente con loro anche Erastus Kibugu,  uno dei fornitori del cotone Conservation Initiative. Il cotone appunto che viene utilizzato dal marchio Edun di Ali Hewson moglie di Bono vox. “A febbraio arriverà finalmente nei negozi la nuova collezione realizzata in collaborazione tra Diesel e Edun, un progetto a cui teniamo moltissimo”. A continuare il discorso  Renzo Rosso: “Sono felice che sia successo. Era tanto tempo che cercavamo di collaborare, ora ci siamo riusciti. Ci teniamo che sia reale, che abbia una giusta campagna pubblicitaria, una produzione seria. Siamo di fronte a una rivoluzione, non si tratta solo di beneficienza. Questo, pensiamo sia il cambiamento più importante da adottare verso l’Africa”.

Infine con queste parole Paul Hewson alias Bono vox conclude il discorso: “Organizzeremo festival e concerti per l’Africa per unire tutti i creativi, i musicisti, gli intellettuali, i blogger per dare più risonanza e forza a questo progetto. Io mi sono letteralmente innamorato, per esempio, del Mali. So che ci sono guerre civili, ma ci sono anche le radici della musica. E quando qui suoni il blues vedi la reazione radicale, la creatività che si ribella alla guerra e al dolore. È incredibile e noi proviamo a incoraggiare questo spirito. E smettetela di pensare all’Africa con un atteggiamento pietoso. È il futuro, di più: è uno dei posti più sexy del mondo, probabilmente il più romantico”.

189719_166584490154834_1328438142_n

Siamo riusciti inoltre a ottenere una piccola intervista lampo con Bono :

Ciao Bono come stai ?

Bene grazie..

Quanto si può fare realmente per l’Africa ?

Be …Sai moltissimo .. Più di quanto si possa pensare .. Siamo forse la prima generazione che ha tutti gli strumenti necessari per risolvere molti problemi..

Quando il prossimo album degli u2 ?

Ride .. (ndr)

Buona fortuna

Grazie mille.

Il tempo stringe e il leader degli u2 deve andare, ma ringrazia i fan presenti fuori dal Waldorf Astoria Hotel (Cavalieri), stringendo abbracci e presetandosi per alcune fotografie con i fan ai quali non nega un momento per interagire con loro. E quest’oggi ha rinforzato l’idea che la moda e la fiducia nell’Africa possono davvero portare grandi risultati.

Manuel Giannantonio

16 novembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook