Il Volo a Porta a Porta, prima di volare negli states

Il Volo a Porta a Porta, prima di volare negli states

il-volo-porta-a-portaIl Volo, gruppo musicale italiano, rivelazione della trasmissione televisica “Ti lascio una Canzone”, a cui parteciparono come solisti nel 2009, costituito da Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, proprio alla vigilia della partenza per la nuova tournèe negli Stati Uniti, ieri sera sono stati ospiti a Porta a Porta per essere intervistati da Bruno Vespa.

Il trio, che in questi anni hanno avuto tanto successo nel mondo, esportando il bel canto italiano, raccontano la loro straordinaria storia umana e artistica. Ora i tre ex “tenorini”, legati da una forte amicizia, sono i primi artisti italiani a firmare un contratto diretto con una major americana.

Dopo l’esperienza televisiva, il gruppo musicale ha firmato un contratto con l’etichetta Geffen Records per la pubblicazione di un album sul mercato internazionale. Prima di assumere il loro nome definitivo, i tre cantanti sono stati ribattezzati Il Tryo e hanno partecipato all’incisione del brano We Are the World 25 for Haiti, pubblicato nel febbraio 2010 con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno della popolazione colpita dal terremoto di Haiti. A pochi giorni di distanza, i tre cantanti si sono esibiti in qualità di ospiti al 60º Festival di Sanremo. Il loro primo album, intitolato semplicemente Il Volo, è stato prodotto da Humberto Gatica e Tony Renis e si avvale anche della collaborazione dell’autrice Diane Warren.

In Italia il debutto discografico del trio è stato pubblicato il 30 novembre 2010 e, dopo aver raggiunto la sesta posizione in classifica, è stato certificato disco di platino dalla FIMI per le oltre 60.000 copie vendute.

Fa veramente piacere il successo si questi giovani, che portano all’estero il volto buono dell’Italia, in un periodo storico-sociale di grande incertezza e confusione e non possiamo che augurare che si possa moltiplicare nel tempo.

Sebastiano Di Mauro
5 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook