I consumatori in coro: “sì al black saturday degli acquisti!”

I consumatori in coro: “sì al black saturday degli acquisti!”

La crisi costringe gli italiani a chiedere una giornata extra per i saldi, durante il periodo natalizio, che permetta acquisti a prezzi convenienti, andando incontro a famiglie e imprese. Le associazione dei consumatori chiedono il “black saturday” per il prossimo 30 novembre, come imitazione del “black friday” americano, che apre gli acquisti natalizi. Di fatto, il 47% della popolazione italiana si sente più povera rispetto allo scorso anno, e ben 2 su 3 sono convinti che la crisi durerà per almeno altri due lunghi anni. Questi alcuni dei dati che emergono da un’indagine condotta dalla Confcommercio in collaborazione con Format Ricerche.

Le difficoltà economiche si riversano inevitabilmente sugli acquisti natalizi, con il 14,2% di persone che non faranno alcun regalo per Natale. Ciononostante, l’85% resta intenzionato a farne, mentre il 50% li ritiene una spesa piacevole e necessaria. Molti di loro, infatti, si sentono obbligati agli acquisti natalizi e se potessero non li farebbero, indipendentemente dalle disponibilità economiche. Il pessimismo tra la popolazione fa si che il 20% della popolazione sia convinta che la propria situazione non vedrà miglioramenti nel 2014, al contrario, gli ottimisti sono il 4%, mentre chi crede che non ci saranno grandi cambiamenti è la stragrande maggioranza, il 72,4%. Da un indagine della Coldiretti, emerge che, per il prossimo mese, ogni famiglia ha stabilito un budget medio di €171 (-5% rispetto al 2012). Saranno 5 i regali medi a famiglia, per un costo di €36 l’uno, che andranno a premiare il Made in Italy, quest’anno più che mai. Ma questo sarà anche un Natale all’insegna dell’ambiente, con il 65% degli intervistati che si impegneranno a comprare regali che lo rispettino. Non resta quindi che dare inizio al mese dello shopping per antonomasia, durante il quale l’atmosfera delle strade ci fa dimenticare, almeno per un po’, i nostri problemi.

di Valentina Sabeni

25 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook