Bimbo imbocca la mamma e la risveglia dal coma: la storia commuove il web

Bimbo imbocca la mamma e la risveglia dal coma: la storia commuove il web

Bimbo risveglia mamma dal coma

Ha rischiato di perdere la vita, Zhang Rong Xiang, a seguito di un incidente stradale serissimo. Ma fortunatamente Zhang ce l’ha fatta. La donna ha, però, trascorso tre lunghissimi anni in stato vegetativo.

Al momento del drammatico incidente la donna era incinta e per diversi mesi, nonostante fosse in stato vegetativo, da lei è dipesa l’esistenza e la nascita di un bambino. Miracolo della natura, bambino che poi è nato: Gao Oinbao, cullato nel ventre della sfortunata madre, è venuto al mondo esattamente cinque mesi dopo l’incidente. I medici, con taglio cesareo sulla madre in stato comatoso,  hanno reso possibile la nascita di un bimbo inaspettatamente sano.

Ma la particolarità della storia di Zhang Rongxiang è, più che nel suo sventurato incidente e più che la nascita del suo bimbo, nel suo particolare risveglio dal coma. Affinché la donna ritornasse alla vita sono stati necessari tre anni d’amore e speranza, nonostante i dottori ritenessero che le condizioni della madre non erano compatibili con una sua ripresa. Contro ogni previsione della medicina, però, Zhang Rongxiang ha resistito prima cinque mesi, sino alla nascita di Gao Qinbao, e poi ben due anni, sino al risveglio. Secondo quanto si legge dai giornali, il risveglio della donna è dipeso dall’ascolto della voce del suo bambino. La stampa internazionale ha voluto sottolineare che la famiglia di Zhang Rong Xiang non l’ha mai abbandonata e, malgrado la sua condizione, ha sempre portato al capezzale della madre il piccolo figlio, partorito ma mai conosciuto.

Si conferma, comunque, la tesi della medicina contemporanea, secondo cui la percezione degli affetti, del calore umano e dell’amorosa vicinanza delle persone care aiuti i malati anche in stato comatoso. L’episodio che ora commuove e colpisce è che Gao Qinbao adesso, dopo il risveglio della mamma, l’accudisca e se ne prenda cura in maniera del tutto particolare.

Sonia Carrera
24 settembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook