Condannato sacerdote cileno: stuprava i bambini che gli venivano affidati in custodia

Condannato sacerdote cileno: stuprava i bambini che gli venivano affidati in custodia

Prete pedofiloAncora una condanna per un prete pedofilo. Questa volta è il prete cileno Orlando Rogel Pinuer, che è stato condannato dopo le indagini hanno accertato anni di violenza nei confronti di alcuni ragazzini che gli venivano affidati per “salvarli” dalla strada.
Il sacerdote, era così malato di sesso, che senza nessun scrupolo e vergogna, talvolta stuprava i giovani adolescenti, tra la sacrestia e l’altare della chiesa di Temuco, nel Cile meridionale.
Ad accusare il prete si era pervenuto dopo numerose denunce che indicavano il sacerdote come autore di atti di violenza. Ora Orlando Rogel Pinuer è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti di diversi ragazzini: alcuni fatti di violenza sessuale sono finiti in prescrizione per mancanza di prove.
Il processo celebrato ha riguardato quattro delle sue vittime, tutte giovanissime, che all’epoca dei fatti avevano tra i 14 e i 16 anni. L’aggravante dei suoi atti consisteva nel fatto che tutti i giovani violentati erano ragazzi che gli venivano affidati per salvarli dalla strada.
Secondo l’accusa, che ha chiesto una condanna di 15 anni, gli abusi sarebbero stati compiuti nel periodo che va tra il 2006 e il 2011.

L’attenzione sul problema, su cui la chiesa da sempre ha chiuso gli occhi e spesso pure il cuore, si è cominciata a focalizzare con Papa Ratzinger, che però di fatto non ha preso una posizione chiara, al di la delle scuse formali.
Ora sta proseguendo con Papa Bergoglio, che si spera sia in grado di affrontare in modo deciso per riportare serenità specie in certe realtà dove il fenomeno era diventato troppo grave.
Questo Papa è molto amato dalle nuove generazione e lo si è visto alla GMG, e sa farsi amare dactutti. Sarà proprio lui, pare, che ha tutte le qualità per passare per colui che riformerà la Chiesa e farà pulizia in diversi ambiti e quindi anche in questo. Quello che è brutto, proprio come ha detto lo stsso Papa di ritorno dal Brasile, non è perchè si scopre che ci siano preti con l’inclinazione omosessuale, ma è deplorevole quando questa diventa una vera lobby, all’interno di cui si commette ogni nefandezza coprendosi l’uno con l’altro.

 

Sebastiano Di Mauro
23 agosto 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook