Il 2019 in 10 momenti

Il 2019 in 10 momenti

Il 2019 si sta per concludere, per cui andiamo a vedere quali sono stati i momenti e gli più importanti di questo anno dal punto di vista politico e sociale, con un occhio di riguardo chiaramente al nostro Paese.

10) L’Abruzzo, il 10 febbraio, è la prima regione che va ad elezioni per eleggere il nuovo consiglio regionale. Tutti gli occhi degli italiani e delle italiane sono puntati sulla piccola regione del sud, per comprendere l’andamento della politica nazionale. Le urne confermano tutti i pronostici: vince il centrodestra nettamente, dimostrando il grande successo della Lega ed una decisa virata a destra di tutto lo stivale.

9) C’è la crisi di governo. L’8 agosto, l’allora Ministro dell’Interno Matteo Salvini fa crollare la legislatura e chiede di andare subito al voto, affermando che non c’è più una maggioranza. Termina dunque così il primo governo gialloverde, una novità assoluta per la politica italiana, sia per le parti in gioco, sia per il nuovo modo di comunicare e fare politica.

8) Il 14 novembre, nell’aula bunker del carcere di Rebibbia, i giudici condannano a 12 anni di reclusione i carabinieri Alessio di Bernardo e Raffaele D’Alessandro per omicidio preterintenzionale, relativamente al caso Cucchi. Secondo la giustizia, dunque, sono stati loro a picchiare il giovane geometra romano nel 2009, che dopo 10 lunghissimi anni di battaglie ha finalmente trovato giustizia. «Finalmente Stefano ora può riposare in pace» è stato il commento della famiglia.

7) Il Fridays For Future sbanca in Italia: migliaia di studenti in piazza per il clima 20-27 settembre danno vita al più celebre movimento giovanile per il clima anche nel nostro Paese. Le piazze tornano a riempirsi e danno una secca risposta a tutti coloro che per anni hanno definito nei peggiori dei modi le nuove generazioni.

6) Il 14 novembre, a Bologna, viene organizzato il primo flash mob delle Sardine, il movimento giovanile di protesta contro le politiche sostenute da Matteo Salvini. L’intento primario, definito anche dallo slogan, è quello di portare almeno 6000 persone in piazza contro l’ex Ministro dell’Interno Il primo flash mob delle Sardine. L’iniziativa raccoglie un consenso totalmente inaspettato, a tal punto che a radunarsi sono ben 10.000 persone. Ad oggi il movimento è in continua crescita e c’è grande attesa da parte di tutti per quello che sarà il suo futuro.

5) Greta Thunberg, la sedicenne svedese attivista green, il 29 agosto ha attraccato al North Cove di Manhattan dopo aver completato la traversata dell’Atlantico con una barca a vela per sensibilizzare il mondo intero relativamente al tema della sostenibilità ambientale.

4) Lasciamo la terra per andare nello spazio, dove per la prima volta due donne hanno effettuato la prima passeggiata nello spazio. Data storica infatti per la Nasa, quella del 18 ottobre, che sarà ricordata grazie a Jessica Meir e Christina Koch, le due prime astronaute a fare due passi nello spazio totalmente al femminile.

2) In Amazzonia, dal 20 agosto si sono susseguiti 74 155 incendi, che hanno devastato ulteriormente il già precario polmone del mondo, che inerme è rimasto e rimane ancora oggi a guardare.

1) Il tetto della cattedrale di Notre Dame che brucia è senza dubbio una delle immagini più iconiche del 2019. Il famosissimo edificio, simbolo per secoli interi della cristianità prima in Europa e poi in tutto il mondo, divorato dalle fiamme. L’evento, anche grazie alle possibilità tecnologiche oggi disponibili, grazie alle quali tutto il globo ha potuto assistere in diretta al tragico evento, ha segnato tutto il mondo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook