L’Università di Tor Vergata rilancia il turismo sportivo

L’Università di Tor Vergata rilancia il turismo sportivo

Il 9 aprile 2018 nell’Auditorium del CONI, si è tenuto un importante evento, organizzato dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” insieme al CONI nazionale e regionale e alla Federazione Italiana Golf (FIG), per presentare il nuovo percorso formativo “Sport e Turismo” che sarà attivato a “Tor Vergata” nell’anno accademico 2018/19, all’interno del Corso di Laurea triennale in Scienze del Turismo del Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società, per il rilancio dello Sport e del Turismo a Roma e nel Lazio.

Tor Vergata sport

Costituito d’intesa con il Corso di Laurea in Scienze Motorie, si andrà ad aggiungere ai due preesistenti percorsi di “Turismo culturale” e Gestione del Turismo e dell’Ospitalità”.

I giovani, che si stanno formando nei Licei sportivi, avranno così una diretta opportunità di continuare il loro percorso formativo e indirizzare la propria attività lavorativa in settori dove la Capitale e la Regione Lazio sono vincenti. L’ambito specialistico di riferimento del nuovo iter formativo infatti, è il management turistico-sportivo: in questo settore verranno formate figure innovative che potranno operare nel campo della progettazione, promozione e commercializzazione del ‘tempo libero’ nella sua segmentazione turistica e sportiva, creando esperti in progettazione e gestione di servizi del turismo sportivo. Il nuovo curriculum si caratterizza per un giusto equilibrio tra le discipline economiche, gestionali, sportive e culturali ed è volto altresì a valorizzare gli aspetti legati allo sviluppo sostenibile dei territori.

Il legame fra sport e turismo e le prospettive che offrono i grandi eventi come la Ryder Cup 2022, che porterà grande attenzione alla città di Roma e a tutto il Paese con un evento così importante – terzo evento sportivo più seguito al mondo dopo i mondiali di calcio e le Olimpiadi – sono stati fra i temi salienti della giornata.

L’incontro si è aperto con il saluto di Carlo Scatena, Presidente Comitato Regionale Lazio FIG, che ha sottolineato la potenza attrattiva del golf come strumento di promozione turistica per Roma e tutto il Lazio. “… La nostra regione può puntare a destagionalizzare il flusso dei visitatori potendo proporre per tutto l’anno la possibilità di fare sport all’aria aperta”. L’Italia nel 2018 ha visto un incremento di turismo del 5% con 58 milioni di visite, purtroppo ancora al quinto posto in Europa rispetto a tale parametro. Il 2022 sarà un anno importante per Roma. La città infatti si è aggiudicata la più prestigiosa competizione internazionale di golf: la Ryder Cup. Sarà il terzo evento al mondo che chiamerà circa 200 emittenti mondiali e più di un miliardo di telespettatori su cinque contenenti. “Il golf – ha detto Scatena – è lo sport più praticato al mondo e Roma sarà sotto i riflettori di tutti, non possiamo permetterci di deludere le aspettative mondiali”.

Il turismo sportivo è un settore in continua crescita: oggi rappresenta il 10% dell’industria turistica mondiale, e in Italia, in particolare, dal 2007 al 2013 il comparto ha fatto registrare un +25% legato ai flussi turistici e un +20% di spesa. Tutto questo è un invito agli operatori presenti sul territorio, sia pubblici che privati, per la nascita di iniziative virtuose col fine di creare un sistema integrato di offerta turistica in chiave sostenibile..

Lo sport si presenta perciò come uno strumento determinante per la crescita dei territori, e il turismo come un’attività intersettoriale e interdisciplinare. “Con un approccio innovativo siamo in grado di implementare e disegnare la nostra offerta formativa sulla base delle esigenze del territorio- ha detto il Rettore di Tor Vergata, Giuseppe Novelli. E’ alimentando un dialogo costante con imprese e istituzioni che siamo in grado di proporre un nuovo modello di università davvero aperta e inclusiva”.

Sport e Turismo, questo è un altro dei binomi vincenti che possono caratterizzare l’offerta turistica di Roma e del Lazio, affiancandosi al patrimonio archeologico, enogastronomico e geografico di Roma che rende il Lazio una regione unica.

FdA

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook