Fotografando le nuvole, aiuti  la NASA a portare avanti la sua ricerca

Fotografando le nuvole, aiuti  la NASA a portare avanti la sua ricerca
License: CC0 Public Domain www.publicdomainpictures.net

Dal momento che il clima sta cambiando, anche le nuvole lo stanno facendo. Per cercare di osservare meglio questo fenomeno, la NASA ha bisogno del tuo aiuto.

Di recente, la NASA ha annunciato che aveva bisogno della collaborazione di molti cittadini per far avanzare la scienza. Infatti, l’agenzia spaziale ha lanciato il progetto Cloud, che consiste nella messa in orbita di sei satelliti per studiare il clima della Terra e osservare il ruolo che le nuvole possono svolgere nel cambiamento climatico. Come spiega il sito web Engadget, sebbene i satelliti inviati siano molto efficienti, a volte hanno difficoltà a rilevare con precisione cos’è una nuvola. Ad esempio, possono confondere alcuni cumuli con neve, essendo entrambi freddi e luminosi.

Ecco perché la NASA ha bisogno dell’aiuto di volontari per fotografare le nuvole viste dalla Terra attraverso l’app mobile Globe Observer, disponibile per  iOs e Android. È sufficiente indicare con precisione il momento in cui viene scattata l’immagine e le equipes dell’agenzia spaziale saranno quindi in grado di confrontare questi scatti con quelli dei satelliti, come spiega Marilé Colón Robles, capo del team Globe, all’interno della NASA: “Guardando ciò che un osservatore ha fotografato come nuvole e analizzando le loro superfici, possiamo capire meglio le immagini che corrispondono a quelle prese dal satellite.”

Fino al 15 aprile, è possibile inviare fino a 10 foto al giorno sull’app. E poi, se scatti una foto nello stesso preciso istante di un satellite, la NASA ti invierà un’e-mail per mostrarti quella scattata in contemporanea dal satellite in orbita.

Tuttavia, attenzione a non guardare direttamente il sole mentre si osserva il cielo. La NASA ricorda le istruzioni di sicurezza e dà alcuni consigli per ammirare al meglio le nuvole su di una pagina dedicata.

Comunque un modo divertente per dare una mano alla scienza!

FdA

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook