“Lessons from the Past, Challenges for the Future”, il murales dell’Ospedale Spallanzani

“Lessons from the Past, Challenges for the Future”, il murales dell’Ospedale Spallanzani
Il ritratto di Spallanzani sul murales

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ha ospitato il 2 febbraio 2018 la presentazione della  grande opera di street art presso Via Folchi.

Un messaggio “Lessons from the Past, Challenges for the Future”, e i volti di 13 scienziati e ricercatori, per celebrare i grandi uomini che hanno scritto la storia della ricerca sulle malattie infettive e lanciare un messaggio di speranza verso il futuro, sono stati dipinti, lungo i 270 del muro di cinta dello Spallanzani INMI su via Folchi, nell’anniversario degli ottant’anni dell’istituto, nonché in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS, come in una grande Hall of Fame della scienza.

Sono stati chiamati tre giovani Street artists di levatura internazionale e di indubbia capacità Andrea Marrapodi aka Kiv, Gregorio Pampinella e Daniele Tozzi, che hanno creato rispettivamente i fondi, i volti e la parte calligrafica del murales di 810 m².

I 3 artisti hanno messo assieme le loro forze e le diverse tecniche che li contraddistinguono , dall’uso di tinte allo spray, dall’illustrazione alla calligrafia, per creare una grande opera collettiva che ne celebra un’altra: la ricerca.

L’obiettivo finale, sottolinea il comunicato stampa, è il desiderio della direzione e dello Spallanzani tutto è che l’ospedale possa uscire da una visione comune di solo luogo di sofferenza e cura, per acquisire anche una nuova vita legata alla crescita culturale, all’arte e alla “rinascita”. E’ nata così l’idea di un murales che offra a chi entra una visione moderna, gioiosa e piena di “futuro” e nello stesso tempo storicizzata delle malattie infettive facendo conoscere le scoperte che in questo campo sono state fatte dai padri fondatori della microbiologia.

Ed è stata questa linea guida – la possibilità di inserirsi nell’attualità e nella vivacità di Roma – che ha permesso all’arte di entrare a pieno titolo nella città per far conoscere l’eccellenza dello Spallanzani e la sua storia, per regalare alla città un importante murales dove i protagonisti della storia della ricerca diventano gli eroi e i protagonisti di una imponente opera pop.

FdA

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook