Empire State: prospettive contemporanee

Empire State: prospettive contemporanee

15120-empireC’è ancora tempo fino al 21 luglio per visitare la mostra Empire State al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Il suo proposito dichiarato è quello di offrire una panoramica sulla metropoli di New York, indagata attraverso le creazioni di venticinque artisti che questa città l’hanno vissuta e saputa trasporre nelle loro opere. L’intento dunque è quello di proporre una riflessione sul ruolo che New York ha avuto nel contesto internazionale, sull’impero (come lo stesso titolo della mostra suggerisce) economico, sociale e culturale che ha saputo istituire nel mondo; questo non solo con uno sguardo rivolto all’oggi, ma anche nel tentativo di scorgere in esso il futuro che gli si prospetta e che si può già intravedere dietro le molte pieghe degli scorci presentati della metropoli. La forma dell’arte viene proposta dai curatori come la via d’accesso principale a questa città, nel suo essere una raffigurazione della realtà che cerca di indicarne la sua essenza nascosta, spesso abbandonando esplicitamente in questo tentativo la sua raffigurazione oggettiva. L’obiettivo dunque è quello di rendere allo spettatore lo spirito che anima oggi questa città, e proprio a questo scopo sono interessanti i vari eventi paralleli alla mostra che il Palazzo delle Esposizioni offre, come una serie di incontri dal nome di “Conversazioni newyorkesi”, eventi musicali, proiezioni cinematografiche.

Se questi sono gli scopi della mostra, appena si muove qualche passo al suo interno risulta difficile rintracciare un comune filo che lega insieme le singole opere, che non sia solo la mera provenienza geografica. La varietà dei contenuti e delle riflessioni proposte da ogni singolo artista ha l’effetto di far sembrare l’esposizione una giustapposizione di oggetti curiosi, a volte enigmatici, a volte situati al limite dell’inespressività. Questa sensazione viene accentuata dalla innumerevoli e innovative forme espressive con cui vengono veicolate le opere stesse, spesso all’incrocio di tecniche diverse, tanto che si arriva in alcuni casi a smarrire la distinzione tra spettatore, opera artistica e spazio espositivo. Eppure è proprio questo smarrimento, che minaccia di rendere irriconoscibile il senso dell’esposizione stessa, che lascia trasparire la multiformità, la complessità e l’eclettismo della metropoli di New York che sola poteva ospitare e nutrire queste differenti e a volte contrastanti raffigurazioni. È la molteplicità a prima vista caotica che assale il fruitore il luogo in cui si riconosce paradossalmente il tema che guida e tiene insieme tutta l’esposizione.

Oltre ad essere uno scorcio di grande fascino sulla Grande Mela, la mostra nel suo complesso acquista maggiore valore se la si considera come un’insieme di prospettive sulla contemporaneità. In questo senso la figura della città di New York viene ad essere il paradigma della società attuale riletta sotto la luce dell’esperienza artistica, una società che indifferentemente può essere interpretata come l’espressione stanca di un lento declino o il ribollire vitale eccitato dalla spinta mai sopita all’innovazione continua e creativa. Solo dalla corretta lettura di ciò che il presente già ci mostra saremo in grado di muoverci in maniera cosciente tra queste due differenti possibilità che ci si prospettano; solo dalla messa in luce delle linee di forza attraverso cui già da ora si muove la cultura odierna si può credere di scorgere il futuro che attivamente stiamo già costruendo. È nel mezzo opaco, ma non per questo fuorviante, dell’arte che ci è data ancora la chiave di lettura della nostra contemporaneità; chiave che ci è possibile intuire dietro le immagini che la mostra “Empire State” ci suggerisce.

Daniele Di Giovenale

28 aprile 2013

Per maggiori informazioni:

Palazzo delle Esposizioni

Via Nazionale, 194 (Roma)

www.palazzoesposizioni.it

Orari:

Domenica ,Lunedì , Martedì, Mercoledì  e Giovedì: 10,00 – 20,00

Venerdì e Sabato: 10,00 – 22,30

Biglietti:

Intero: € 12,50

Ridotto: €10,00

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook