Libri con le ali in partenza da Torino

Libri con le ali in partenza da Torino
http://www.diarioditorino.it/torino/articolo/?nid=20170525_418564

Nei tempi che si stanno vivendo oggi, ci sono moltissimi concetti che risultano sempre più difficili non solo da comprendere, ma anche e soprattutto da applicare nella vita quotidiana di ciascuno di noi. La comprensione, che spesso viene superata dai pregiudizi che offuscano il tentativo di capire il motivo di alcuni gesti che di primo acchito sembrano davvero impossibili da capire; la gentilezza e l’educazione, due concetti che vivono da sempre stretti stretti, che camminano a braccetto e che nonostante questo sembrano finiti nel dimenticatoio e la cui mancanza provoca incomprensioni e litigi; la condivisione di valori, principi, culture e opinioni, senza voler per forza far prevaricarne una sull’altra, ma cercare di farle convivere proprio esportandole altrove, là dove non si conoscono.

E su quest’ultimo concetto della condivisione è nato quello che ormai da anni ha registrato un grosso successo qui in Italia, ossia il fenomeno del bookcrossing: tramite questo scambio continuo di libri, le persone possono “far viaggiare” i libri di un’altra persona da una parte all’altra della città, del proprio Paese e addirittura del proprio Continente. Luoghi più o meno frequentati (non per forza biblioteche), come bar, pub, ristoranti e pizzerie, ma anche centri commerciali, negozi alimentari e da questa settimana anche aeroporti.

Esatto, perché nell’aeroporto di Torino-Caselle è stato creato un nuovo punto di scambio libri all’interno delle aeree partenze, che si sa già di per se stesse sono spesso un po’ tristi perché magari chi parte sta lasciando la propria casa, anche se solo per pochi giorni o una persona amata e quindi cosa c’è di meglio che approfittare di una ricca gamma di libri a prezzo zero che possono tenere compagnia durante il volo? Ma come funzione dunque il Bookcrossing dentro un aeroporto?

Niente di più semplice da spiegare: nella sala imbarchi di Caselle è stato allestito e preparato con cura uno scaffale di design, sopra il quale i passeggeri potranno lasciare uno dei loro volumi e prenderne un altro in cambio, tra gli oltre 100 messi a disposizione dalla Libreria Luxemburg di Torino. Il libro viaggerà dunque con il proprietario provvisorio in giro per il mondo per poi fare il suo ritorno nel capoluogo piemontese: romanzi, biografie, storie d’amore, gialli e thriller, romanzi storici che di punto in bianco viaggeranno sulle gambe dei passeggeri, improvvisamente dotati della possibilità di “volare da una città all’altra”, di conoscere posti nuovi e un nuovo proprietario che lo tratti con cura.

Il BookCrossing si colloca nell’idea di far vivere ai passeggeri un’esperienza di viaggio ancor più completa, contribuendo a far viaggiare la cultura in tanti luoghi quante sono le tratte proposte dall’aeroporto. Ciò che rende ancora più innovativo questo progetto, è dato dal fatto che il Torino Airport è stato presente, anche quest’anno, alla XXX edizione del Salone del Libro per far conoscere al pubblico, tra le altre cose, le sue nuove rotte internazionali, tra le quali Copenaghen, Siviglia, Malaga, Lisbona. Una scelta che mostra, ancora una volta, come Caselle sia idealmente vicino al mondo della cultura e del libro.

Dunque, mai più viaggi da soli e tristemente seduti a guardare il vuoto, ma sempre in compagnia di questo piccolo oggetto in grado di far volare le menti, ancor prima di salire sul proprio aereo .

Rebecca Cauda

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook