Palazzo Reale: In in mostra la grande arte europea dal 1945 ad oggi con “THE DESIRE FOR FREEDOM”

Milano – Si inaugura a Palazzo Reale una mostra collettiva proveniente da Berlino; composta da 200 opere d’arte di 94 artisti contemporanei provenienti da 27 diversi Paesi europei, “The Desire for Freedom. Arte in Europa dal 1945”,affronta l’idea di Libertà in Europa dal dopoguerra in avanti.
L’ ex assessore alla Cultura, Moda, Design Stefano Boeri ha affermato: “Percorrendo questa mostra ciascuno di noi non può fare a meno di entrare nell’immaginario di 94 artisti straordinari, di cercare di capire la loro idea del rapporto tra arte e politica. Ma soprattutto non può fare a meno di interrogarsi sull’idea di Europa che l’arte ci comunica. L’idea di un continente colmo di differenze di linguaggi, di individualità eppure miracolosamente unito da una corrente calda e condivisa di appartenenza a una cultura di impegno civile e sociale”.

In programma fino al 2 giugno 2013, la mostra è curata da Monika Flacke, Henry Meyric Hughes e Ulrike Schmiegelt e promossa in Italia dal Comune di Milano – Cultura, Moda, Design e prodotta da Palazzo Reale, dal DHM Deutsches Historisches Museum di Berlino e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore.
Il progetto è nato grazie alla collaborazione internazionale di 36 Paesi membri del Consiglio che sono riusciti a coinvolgere artisti, studiosi, curatori, musei, gallerie e collezionisti privati.
L’esposizione ha l’obiettivo di superare l’immagine di un’ Europa del dopoguerra considerata un teatro dell’ostilità tra i due blocchi di potere della guerra fredda, prendendo invece come punto di partenza l’idea che quelle stesse parti affondino le stesse radici nell’Illuminismo.
In mostra fotografie, dipinti, disegni, video e installazioni realizzati in settanta anni di storia dell’arte, da artisti affermati  tra cui: Damien Hirst, Arman,  Yves Klein, Richard Hamilton, Christo, Mario Merz, Emilio Vedova, Yinka, Lucio Fontana, Ilya Kabalov…  e  tanti altri.
Il progetto espositivo non presenta una linearità cronologica ma si sviluppa in  una serie di temi, disposti in 12 diverse sezioni; si parte per esempio con la sezione intitolata “Tribunale della Ragione”, in nome della quale spesso sono state commesse molte delle peggiori violazioni dei diritti dell’uomo; poi abbiamo “La rivoluzione siamo noi”, ispirata all’opera di Joseph Beuys del 1972; “Viaggio nel paese delle meraviglie” invece, racconta la qualità dell’arte di rovesciare paradigmi, ridefinendo la coscienza storica collettiva…..
La sezione dal titolo “Il mondo nella testa” chiude il cerchio della mostra sottolineando come la radice delle nostre idee è anche per l’artista la nostra mente.
Per approfondirne le tematiche la mostra sarà accompagnata da Freedom Zone, un programma di attività che amplia i temi chiave dell’esposizione; il programma completo sarà pubblicato sul sito www.desireforfreedom.it.

Lucia Arezzo
21 marzo 2013

 

Info:
www.desireforfreedom.it
www.comune.milano.it/palazzoreale
www.ticket.it/desireforfreedom  Tel. 02 54913

“THE DESIRE FOR FREEDOM”

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook