Musica in Luce: evento speciale dedicato alla musica Lirica e al Jazz

Musica in Luce: evento speciale dedicato alla musica Lirica e al Jazz

Nella splendida cornice dell’Auditorium Parco della musica in Roma, vanno in onda, in una serata spettacolare e dalle tinte soft, due documentari inediti dedicati alla Lirica e al Jazz, due generi importanti che hanno radici culturali differenti ma profonde nella storia della musica.

Il 10 Maggio si sono tenute, infatti, in anteprima ed in esclusiva per gli spettatori dell’Auditorium, le proiezioni dei film documentari “Il Bel Canto”e de “Quest’Italia suona jazz”.

Il primo è stato realizzato da Carlo Cotti e narra un volo, come quello della gazza ladra rossiniana, tra immagini, suoni, emozioni e ricordi su tre parole, “Il Bel Canto”, che in tutto il mondo da secoli significano il “recitar cantando”. Assistiamo al duello Callas – Tebaldi, alle immagini di Toscanini, Mascagni, fino a Claudio Abbado. Dalla Scala ai Carri di Tespi della Fenice ai Teatri di Burattini. E ancora, da Del Monaco a Di Stefano, a Pavarotti, ai nomi del cuore: Madama Butterfly, Norma, Aida, la Bohéme, la Traviata, Turandot, Don Pasquale, Figaro, Lucia di Lammermoor… Un secolo di immagini straordinarie raccolte dall’Archivio Luce per una cavalcata irresistibile (e divertente), in un’Italia che ha invaso il mondo con il suo canto e la sua musica.

Cinquantacinque minuti di pura arte, prodotto e distribuito dall’Istituto Luce – Cinecittà.

Il documentario dal titolo “Quest’Italia suona Jazz” a firma di Marco Guelfi, invece, narra della vita musicale dell’Orchestra Nazionale Jazz giovani talenti: 125 talenti da tutta Italia, selezionati dai migliori rappresentanti della musica jazz italiana che diventeranno venticinque elementi, venticinque ragazzi, venticinque persone che, allunisono, daranno corpo ed emozione al proprio swing, provando a dare seguito al loro sogno, quello di vivere suonando. Un film dunque che segue la formazione di questa orchestra dal talento speciale e che coglie l’occasione di raccontare presente e futuro del nostro paese, non solo musicalmente parlando.

Settantacinque minuti di grinta, voglia di vincere e di vivere, condita da ottima musica. Settatntacinque minuti di basso elettrico, batteria, percussioni, chitarra, clarinetto, clarinetto basso, contrabbasso, pianoforte, sassofono, tastiera, tromba, trombone, violino, violoncello, viola e voce, per un susseguirsi di emozioni e brividi sino al culmine finale. A tutto questo, si aggiunge il sax di un grande protagonista della scena jazz internazionale, Rosario Giuliani, che ha accompagnato, nello speciale mini concerto dal vivo, alcuni membri dell’Orchestra presente nel documentary sul palco dell’Auditorium. Diretti dal Maestro Paolo Damiani, i musicisti hanno introdotto così il lungometraggio che parla di loro e della loro arte. Del loro cammino e delle loro speranze. Della loro vita, presente, passata e futura.

Serata evento creata – ideata ed organizzata dall’Istituto Luce, distributore dei due documentary in oggetto, a cui va un plauso particolare e sentito per la bella iniziativa messa in atto.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook