San Pietroburgo ed i suoi tratti, in mostra al Palazzo delle Arti di Napoli

I volti, i paesaggi, gli ambienti di San Pietroburgo , immortalati dai più autori russi, testimoni di epoche e cambiamenti che hanno segnato la storia recente dell’ex Leningrado, in mostra a Napoli presso il Palazzo delle Arti (Pan) . “La fotografia di San Pietroburgo” questo il nome dell’evento inaugurato lo scorso 22 Novembre, per concludersi il prossimo 2 Dicembre, rientra tra le iniziative promosse dal Festival  internazionale dell’immagine contemporanea e della fotografia d’autore  (Movimenti per la fotografia), che vedrà la città di Napoli nel ruolo dei capitale mondiale della fotografia fino al prossimo 16 Dicembre, e che oltre al Palazzo delle Arti, avrà come location d’eccezione in città anche il Museo di Capodimonte, Villa Pignatelli, e ad Ercolano il Museo Archeologico Virtuale (Mav).

 

“La Fotografia di San Pietroburgo” realizzata da  Marina Jigarkhanyan è la prima di numerose mostre organizzate per l’occasione,  intensa, realista, restituisce un’immagine della città russa percepibile a pochi, trasmessa agli appassionati, dagli scatti di autori del calibro Pavel Markin e  Evghenij Astaschenkov. Markin, già noto in epoca comunista, era colui che immortalava ogni aspetto della vita della città, dalla manifestazione politica, alla giornata lavorativa degli operai, fino a qualsiasi altro aspetto della vita quotidiana dell’epoca. Astachenkov invece è maestro nell’evidenziare, attraverso la sua fotografia, i tratti urbanistici ed architettonici della grande città russa. Tra gli artisti presenti con le loro opere alla mostra “La fotografia di San Pietroburgo”, è possibile trovare inoltre, Vladimir Nikitin, celebre per le nature morte in interni da lui proposte, mura di edifici, libri sedie, oggetti capaci di creare quell’atmosfera di malinconia e tristezza, che spesso pervade dai lavori Nikitin.

Inoltre, è possibile ammirare le surreali esperienze fotografiche di Ludmila Tabolina e Anna Shishkina, artiste dai tratti unici, attraverso le quali è possibile ammirare contemporaneamente gli aspetti più peculiari della grande città ex sovietica, mischiati alla genialità delle particolari tecniche fotografiche proposte dalle due autrici. San Pietroburgo in tutti i suoi aspetti insomma, l’arte, la cultura, la vita di ogni giorno, la semplicità di un volto, la presunta banalità di un paesaggio. Tutto questo in pochi scatti,  messi uno dopo l’altro, a rappresentare in maniera quanto più fedele possibile, l’autentica anima di una delle più imponenti ed intense città del mondo.

 

Paolo Marsico
30 novembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook