Tesori nascosti di Brera: Tarocchi del XV secolo. Il segreto dei segreti

Si inaugura oggi martedi 13 novembre 2012, alle ore 18.30 la mostra dal titolo: TESORI NASCOSTI DI BRERA: TAROCCHI DEL  XV SECOLO. Il segreto dei segreti. I tarocchi Sola Busca e la cultura ermetico-alchemica tra Marche e Veneto alla fine del Quattrocento, presso la Pinacoteca di Brera, visitabile fino al 17 febbraio 2013.
La mostra, a cura di Laura Paola Gnaccolini nasce grazie al diritto di prelazione che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha esercitato dal 2009, acquistando il più antico mazzo di tarocchi italiano completo e conosciuto come il mazzo Sola Busca dai nomi dei precedenti possessori (gli eredi Sola Busca).

Il suddetto mazzo è stato destinato alla Pinacoteca di Brera, che già in passato conservava un gruppo di 48 carte, parte di un prezioso mazzo tardo-gotico. La mostra vuole presentare questa importante acquisizione indagandone il contesto culturale, le fonti e l’iconografia, arrivando ad identificare l’artista che lo ha eseguito e l’umanista che ha suggerito l’iconografia dell’immagine.

Il gioco dei tarocchi, noto come “triumphi” risulta documentato come gioco dei ceti più abbienti a partire dal quinto decennio del XV secolo, soprattutto in area ferrarese. In Lombardia si conservano esempi di carte da tarocchi miniate (mazzi per le famiglie Visconti e Sforza) di cultura tardo-gotica; diverse carte famose per la loro bellezza si conservano in Pinacoteca già dal 1971.

Totalmente estraneo al gioco all’epoca era l’aspetto “divinatorio”, rinomato nella nostra epoca attuale, di cui abbiamo tracce solo nella scuola francese del XVIII secolo. In questo contesto storico il mazzo Sola Busca si presenta come un’ acquisizione eccezionale da moti punti di vista: è il più antico mazzo completo, composto da 78 carte, l’iconografia dei “trionfi” è differente da quella tradizionale dei mazzi quattrocenteschi, e il seme di Denari presenta caratteristiche diverse rispetto all’iconografia precedente.

Segnaliamo infatti tra le carte in esposizione: l’iconografia alchemica del 4 di Denari(la Terra madre dei metalli), il 5 di Denari( l’elemento maschile che ingravida la terra per avere il lapis philosophorum) e il 9 di Denari(la nigredo o morte della prima materia). Queste immagini sono di facile comprensione grazie anche al confronto con l’ iconografia che accompagna il più prezioso codici alchemico italiano: il Raimondo Lullo della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (B.R.52).

Il mazzo Sola Busca venne miniato nel 1491 a Venezia probabilmente per Marin Sanudo il giovane, famoso storico autore dei Diari. Si tratta quindi del risultato stupefacente dell’umanesimo italiano nel momento di maggiore splendore. Le carte sono un tesoro prezioso, visto il perfetto stato consevativo in cui si trovano.

Programmata da Sandrina Bandera, Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera, la mostra presenta al grande pubblico un valore inestimabile, un pezzo prezioso della nostra storia. Questa sarà la prima di un importante ciclo espositivo sui tarocchi che proseguirà fino al 7 aprile 2013, infatti, presso la Pinacoteca di Brera sarà allestita nel nuovo anno la seconda mostra dedicata all’altro mazzo del XV secolo appartenente alle collezioni del Museo, dal titolo I tarocchi Bembo.
 Il ciclo delle mostre di Brera proseguirà poi con altre due iniziative: la prima dedicata alla collezione di autoritratti appartenuti a Cesare Zavattini e la seconda al fondo di pittura lombarda del Seicento. Per agevolare le visite del pubblico a questo ciclo di mostre è stato istituito un abbonamento, al costo di 22,00 euro, che permetterà il libero accesso al Museo e alle mostre fino al dicembre 2013, finalmente la cultura alla portata di tutti, sottolineando come la Pinacoteca di Brera resti uno dei più importanti Musei della nostra Italia.

 

Lucia Arezzo
13 novembre 2013

INFO:
Pinacoteca di Brera – Via Brera, 28 – Milano
Accesso disabili da via Fiori Oscuri, 2
Ufficio mostre ed eventi, tel. 02 72263.257, [email protected]
www.brera.beniculturali.it
Orari:
8.30-19.15 da martedì a domenica
(la biglietteria chiude alle 18.40)
chiuso lunedì
Biglietti
Intero: € 10,00
Ridotto: € 7,00
Abbonamento per la Pinacoteca e le mostre: € 22,00 (valido fino a dicembre 2013)
www.pinacotecabrera.net

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook