La Rai chiude la trasmissione Passepartout di Daverio

2duerighe intervista Philippe Daverio:  Daverio, critico d’arte, conduttore e autore di Passepartout, uomo di cultura che da anni cerca di diffondere i vari eventi artistici e culturali in Italia e nel mondo, non si è sottratto alle domande che gli abbiamo rivolto, anzi alla fine dice con tanta semplicità: “Guardi io non sono dottore perché non mi sono laureato, ero inscritto alla Bocconi nel 1968- 69’, in quegli anni si andava all’università per studiare e non per laurearsi”.
Questo  è Philippe Daverio, che nella sua lunga carriera ha avuto il piacere di curare tantissime mostre e nel contempo ha curato varie pubblicazioni sui movimenti artistici d’avanguardia tra le due guerre. Con le sue trasmissioni ha regalato ai telespettatori un nuovo modo di raccontare la cultura.

 Giovanni Cardone: Prof. Daverio come nasce critico d’arte e giornalista?

Philippe Daverio : Ho sempre pensato all’arte come mezzo di comunicazione sin da ragazzo e con quale mezzo poterla diffondere, ho avuto fortuna essendo nato in Alsazia  di conoscere altri popoli ed imparare altre lingue e nel contempo di viaggiare e poter visitare musei e gallerie di tutto il mondo.

Giovanni Cardone : Come è nata la sua collaborazione con la Rai?

Philippe Daverio: Nasce nel 2005, ebbi un incontro con Vittoria Cappelli la quale si entusiasmò dell’idea ed iniziammo la collaborazione che è continuata anche per l’altro progetto Emporio Daverio. Contattai i dirigenti della Rai di allora ed iniziammo questa avventura.

Giovanni Cardone : Perché dopo circa sette anni si chiude Passepartout?

Philippe Daverio : Passepartout è stato uno dei pochissimi programmi culturali degni di questo nome. Se la chiusura fosse stata nell’aria,  non avrei mai speso tante energie nel programma, sono stato tratto in inganno.

Giovanni Cardone : Prof. Daverio con la chiusura della trasmissione non vedremo le nuove puntate che lei ha girato in Cina?

Philippe Daverio : Certo che le vedremo, la Rai le manderà in onda, credo che in questo momento stia passando un momento di forte crisi. Per me la Rai è sempre la Rai, per me resta il mio maggior cliente, pur sapendo che da questo momento la trasmissione ci costerà molto di più.

Giovanni Cardone : Prof. Daverio si è vociferato di un suo passaggio a La7?

Philippe Daverio : Non credo proprio di passare a La 7, visto che tutti  quelli che litigano con la Rai o Mediaset passano con La 7. Io reputo il servizio pubblico migliore di tutte le televisioni italiane, purtroppo la crisi ha colpito anche mamma Rai.

Giovanni Cardone 

2 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook