Palazzo Reale: da Guercino a Caravaggio

Il Piano Nobile di Palazzo Reale, quello stesso luogo che aveva ospitato la rassegna dedicata a Guercino nel 2003, ospita una rassegna ideata dal collezionista Sir Denis Mahon per il suo centesimo compleanno, che comprende i nomi piu’ importanti del Barocco italiano. La rassegna sarà curata da Mina Gregori e Daniele Benati.
E’ la mostra che Sir Denis Mahon avrebbe desiderato per la ricorrenza del suo centesimo compleanno poiché avbrebbe voluto festeggiarlo insieme ai suoi dipinti prediletti. Il suo sogno resta in esposizione fino al 20 gennaio, a un anno dalla sua scomparsa.
L’Italia è stata sempre nel cuore di questo collezionista tanto che ha previsto anche un importante lascito delle opere della sua collezione anche alla Pinacoteca Nazionale di Bologna per un valore totale di 50 milioni di euro.

Nicholas Penny, direttore della National Gallery di Londra ha affermato: “quella di Sir Denis Mahon è la collezione privata più pubblica che esista, proprio per il suo grande mecenatismo e senso civico che l’hanno portato a donare tutte le sue opere a istituzioni pubbliche, anche affinché fossero fruibili dal maggior numero possibile di persone”.
Mahon è riuscito a proporre in una nuova luce la pittura bolognese alle soglie del Seicento conducendo diverse scoperte su Caravaggio e su Nicolas Poussin. La Mostra riunisce capolavori assoluti del barocco italiano attraverso artisti importantissimi come Guercino e Caravaggio.
L’esposizione avrà una seconda tappa presso l’Hermitage Museum di San Pietroburgo presentando quindi la mostra come uno scambio culturale fra l’Italia e la Russia ospitando opere che Sir Denis Mahon studiò a lungo, come la Madonna del Passero di Guercino e Una sibilla di Guido Reni.
Una mostra che ripercorre e rende omaggio all’amore verso l’arte di un grande collezionista, esposta in un luogo Palazzo Reale, dove le grandi mostre non mancano mai.

 

Lucia Arezzo
20 settembre 2012

 

 

Info:
Palazzo Reale piazza Duomo, 12
Orari apertura:
lunedì: dalle ore 14.30 alle ore 19.30;
martedì, mercoledì, venerdì e domenica: dalle  ore 9.30 alle ore 19.30;
giovedì e sabato: dalle ore 9.30 alle ore 22.30
(la biglietteria chiude un’ora prima)

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook