Il maggio dei Libri

Il maggio dei Libri

il maggio dei libri

TORINO- Mese di Maggio, mese della festa della mamma, mese di fioriture, mese del Salone del Libro, mese ricco di cultura e letteratura. Dopo quattro giorni ricchissimi di Salone, passati tra bancarelle piene di libri, conferenze con scrittori, incontri e laboratori, Torino continua per tutto il mese a festeggiare e a rendere protagonista delle sue strade proprio lui, il libro. E questa iniziativa, che ormai dura da parecchi anni, rappresenta proprio la volontà di associazioni, librerie, biblioteche, case editrici sparse in tutta Italia, che vogliono arricchire questa campagna culturale. Perché se in questo mese la natura si risveglia, lo stesso capita alla voglia di leggere. Leggere fa crescere: è questo lo spirito de Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile. Con queste parole si descrive Il Maggio dei Libri, che quest’anno inizia ufficialmente il 21 maggio e durerà fino al 3 giugno e che si ripromette di riversare nelle città italiane quelle pillole di cultura e soprattutto di partecipazione alla condivisione della letteratura, che forse dovrebbero essere assunte giornalmente, come se fossero delle vitamine.

E allora quali sono i principali eventi a cui si può partecipare? Ovviamente moltissimi (potete visionare l’elenco completo sul sito ufficiale della campagna www.ilmaggiodeilibri.it), che cercano di rivolgersi alle differenti fasce di età del pubblico, come cercano anche di differenziarsi in base alle tematiche che vogliono affrontare. Per citarne qualcuno, la mostra “Made in Italy 60 artisti in mostra”, presso il Lingotto NH Hotel, dove 60 artisti soci e simpatizzanti dell’Associazione Culturale “il Cavalletto” raffigurano il Made in Italy, rappresentato nelle sue mille sfaccettature, dalla moda al cinema al design e alla fotografia. Ugualmente interessante “Progressiva Art Exhibition #2”, dove verranno messe in mostra opere legate alla parola e alla poesia ed è inoltre un evento gemellato con Murazzi Poetry Slam, che si è svolto il 15 maggio presso il Magazzino sul Po.

Ma non possono sicuramente mancare incontri con scrittori e critici letterari, come quello che si svolgerà il 21 maggio presso il Circolo dei Lettori di Torino, dove si discuterà del libro “Il defunto odiava i pettegolezzi” di Serena Vitale: Il 14 aprile 1930 i telefoni di Mosca si mettono a suonare per la notizia della morte di Vladimir Majakovskij, «primo poeta delle masse». Cosa successe davvero? Il volume è una rilettura filologa-investigatrice di uno dei grandi misteri della storia russa. Il tutto con la partecipazione di Rosellina Archinto, editrice, e Giorgio Ficara, critico letterario.

Insomma, c’è davvero l’imbarazzo della scelta nel decidere a quali di questi eventi partecipare. Quello che è sicuro e fuori da ogni dubbio è che Torino, come altre numerose città italiane, in questi 15 giorni si colorerà di pagine e parole, che non stonano mai e che sono imperiture.

Rebecca Cauda

21 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook