Leonardo Da Vinci, Milano e Expo: uniti da spirito universalista

Leonardo Da Vinci, Milano e Expo: uniti da spirito universalista

leonardo.da_.vinci_.06In occasione di Expo 2015, Milano presenta Leonardo Da Vinci al mondo, come simbolo di forza creativa, intellettuale ed artistica. Con questo uomo poliedrico e d’ingegno (1452-1519), che incarnò in pieno lo spirito universalista della sua epoca in quanto pittore, scultore, ingegnere, anatomista, musicista e inventore, Milano ha un rapporto privilegiato: l’artista rimase infatti dal 1482 al 1499, quasi come un ambasciatore artistico di Lorenzo il Magnifico, alla corte di Ludovico il Moro.

La mostra, ideata e prodotta da Palazzo Reale e Skira, è promossa dal Comune di Milano e dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo. La curatela è affidata a Pietro C. Marani e Maria Teresa Florio. Grazie al concorso virtuoso di una pluralità di soggetti, ed al sostegno di sponsor, primo fra tutti Bank of America, il pubblico può ammirare al Palazzo Reale di Milano dal 16 aprile al 19 luglio 2015, oltre 200 opere provenienti da musei ed istituzioni di tutto il mondo.
Questa monografica, la più importante mai proposta in Italia, presenta Leonardo come genio figlio del suo tempo, scevro da proiezioni mitografiche, retoriche o celebrative. Essa si snoda attraverso un percorso espositivo suddiviso in 12 sezioni capaci di rendere la poliedricità di questo artista e scienziato, permeato dalla vocazione all’ interdisciplinarietà, assorbita nella bottega Di Andrea del Verrocchio, che attorno al 1470, si contendeva insieme al Pollaiolo, le committenze più rilevanti. É qui, probabilmente, che il giovane apprendista impara a dominare dal punto di vista manuale tutte le forme dell’arte: pittura, scultura, oreficeria e sviluppa l’idea della centralità dell’uomo per la sua forza di immaginazione, intelletto e creazione, sintetizzata poi nell’Uomo Vitruviano, esposto solo sino al 16 maggio.

La prima sezione della mostra è intitolata “Il disegno”; al suo interno sono visibili circa 100 disegni autografi provenienti dai codici di Leonardo, primo fra tutti quello Atlantico, conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano. Il disegno infatti costituisce il fondamento dell’ arte di Leonardo, in quanto parte del processo di indagine e di studio dell’opera della natura, “Maestra dei maestri”. Osservando il movimento dell’acqua infatti, si può dipingere quello dei capelli, o studiando la sua luce, si può capire come renderla su tela; il volo degli uccelli e il funzionamento delle loro ali, stimolerà più tardi il sogno del volo. Per questo approccio conoscitivo è importante la scienza, “legittima figliola della Natura”. Disegno, natura e scienza (sezione 2), gli consentono di capire e registrare la sua visione del mondo e dove è possibile, migliorarlo. Leonardo vuole infatti risolvere i problemi del presente: rendere sicure stalle e case, proteggere dalle inondazioni, fare scorrere l’acqua nei canali in modo che essa non ristagni. In mostra disegni di ali per volare (sezione 8), scavatrici per canali, cannoni, fortezze (sezione 6), ma anche progetti meccanici di pompe idrauliche e gli studi per il progetto mai realizzato del colossale Ludovico il Moro a cavallo, dove è visibile il forte legame con l’arte antica (sezione 4). Un’intera sezione è dedicata ai “moti dell’anima” (sezione 5), con disegni che lasciano intuire la correlazione fatta dall’artista, tra azioni e posizioni del corpo.

Tra i capolavori da ammirare: la Belle Ferronière dove la pittura si fa quasi scultura, Il San Girolamo, il ritratto di Musico, la Madonna Dreyfus.

I curatori hanno scelto di chiudere simbolicamente questa mostra con il disegno “Il Diluvio” conservato a Windsor (ca 1518), dove un cataclisma naturale stravolge il mondo umano; questa opera sembra sintetizzare l’enorme cammino dell’artista, che, partito dalla fiducia di possedere gli strumenti per rappresentare ed in parte governare la natura, si ritrova inerme e a dover soggiacere ad essa.

Palazzo Reale, Milano. 16 aprile al 19 luglio 2015

Lunedì: 14.30-19.30, martedì e mercoledì: 9.30-19.30 , giovedì, venerdì, sabato e domenica: 9.30-24

Il prezzo del biglietto comprende audioguida in omaggio:

  • Intero: € 12
  • Ridotto: € 10
  • Ridotto club Skira: €9
  • Gruppi: € 10
  • Scuole: € 6
  • Famiglie: € 16 (1 adulto + 1 ragazzo di età inferiore a 14 anni)

Biglietti congiunti (con audioguida in omaggio):

  • Biglietto congiunto con Mostra Visconti Sforza OPEN: € 20
    (Visiti Leonardo il giorno dell’acquisto, e torni a vedere Visconti Sforza quando vuoi)
  • Biglietto congiunto con Mostra Visconti Sforza IN GIORNATA: € 18,00
    (Visiti prima Visconti Sforza e SALTI LA CODA per Leonardo!)

Raffaella Roversi
16 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook