Guido Crepax:ritratto di un artista

Guido Crepax:ritratto di un artista

G.-CrepaxPalazzo Reale presenta una mostra dedicata a uno dei maestri del fumetto italiano, Guido Crepax, nel decennale della scomparsa dell’autore milanese e a 80 anni dalla sua nascita.
Allestita nelle dieci sale dello splendido Appartamento di Riserva del Palazzo, l’esposizione raccoglie tutta la produzione di Crepax: i fumetti, i periodici, il design, il teatro, i giochi, le scenografie mettendo in primo piano l’autore più che Valentina, il personaggio che lo ha reso celebre in tutto il mondo. Attraverso le opere in mostra è possibile comprendere come Guido Crepax sia stato un artista poliedrico. Egli non era solo fumettista, ma anche illustratore di libri, giornali, copertine di dischi, designer pubblicitario, scenografo di teatro, designer per oggetti di largo consumo.
Il percorso si divide in 10 sale e ognuna è caratterizzata da un preciso tema. Tra tutte spiccano la sala dedicata a “Valentina e le altre” (le meno note Bianca, Anita, Belinda, Giulietta, fino all’ultima nata, la giovanissima Francesca) e quelle dedicate alla moda, al design, alla letteratura, al cinema, alla fotografia, alla musica. Senza dimenticare la sala dedicata all’arte in cui è possibile notare le citazioni di pittori e scultori che Crepax ha inserito nelle sue tavole. Forte risulta il legame tra fumetto, fotografia e cinema, fotogramma in movimento. Parte delle 90 tavole in mostra sono accostate a foto di moda, della città di Milano, di cinema e di famiglia e ai riferimenti culturali che sono il background delle storie, soprattutto di Valentina. Una realtà, quella Milanese, dove Crepax ha ambientato gran parte dei suoi fumetti.
Completano l’allestimento oltre trenta sagome a grandezza naturale, scenografie, filmati e particolari installazioni.

Eleonora Franzoni
10 luglio 2013

Palazzo Reale Milano
dal 20 giugno al 15 settembre 2013
Orari: lunedì 14.30 – 19.30;
da martedì a domenica 9.30 – 19.30;
giovedì e sabato 9.30 – 22

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook