Milano Film Festival 2019 | A Certain Kind of Silence

Milano Film Festival 2019 | A Certain Kind of Silence
Milano Film Festival 2019

Milano Film Festival è da oltre vent’anni il principale evento di cinema della città. Una piattaforma per il cinema indipendente internazionale che rischia, sperimenta, prova e trova nuove strade.

Per il primo anno, inoltre, MFF si apre al mondo Industry, proponendosi come HUB internazionale dei professionisti della filiera audiovisiva, attraverso un evento parallelo in cui vengono coinvolti i professionisti del settore locali e internazionali in una serie di esperienze, convegni e workshop; con l’obiettivo di continuare a fare rete e garantire visibilità a un settore in costante crescita, attrattore di grandi investimenti internazionali.

I PREMI DI QUEST’ANNO

Premio Internazionale Miglior Lungometraggio
Sette anteprime italiane, di opere prime o seconde, internazionali. Per scoprire la migliore tra queste, e un talento alla regia da riconoscere, una giuria internazionale di professionisti del cinema.

Premio Campari Miglior Cortometraggio
Quarantuno opere di registi sotto i 40 anni, nuovi talenti da oltre 30 paesi. Tutti i generi insieme – fiction, documentario, animazione, sperimentale – per una panoramica del genere cortometraggio. Il migliore è scelto, come sempre, da un gruppo creativo apprezzato dal Festival.

Premio N.A.E. alla Migliore Attrice
Individuare un talento, capirne la versatilità rispetto al personaggio da interpretare e calarsi in un nuovo ruolo, mantenendo la stessa immagine di sé. Una giuria composta da quattro attrici italiane – Valeria Solarino, Margherita Buy, Laura Chiatti e Giulia Michelini – selezionerà la migliore attrice di questa edizione del Festival.

Premio Grazie Maestro! a Guido Manuli
Guido Manuli è uno dei nomi più importanti del cinema d’animazione italiano e milanese degli ultimi cinquant’anni. In occasione del premio “Grazie Maestro!”, il Festival gli rende omaggio con un programma che ripercorre insieme a lui un corpus di opere ampio e variegato, dalle sigle televisive ai cortometraggi a tecnica mista, fino alle ultime sperimentazioni con il digitale e il 3D.

Premio Comieco “Le 7 vite della carta”
“Rinascita” è la parola chiave del riciclo di carta e cartone e dei brevi cortometraggi realizzati da studenti ed ex studenti della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti.

A Certain Kind of Silence 

Titolo originale Tichè doteky, il film si afferma come la rivelazione di quest’anno.

Michal Hogenauer, ospite in sala, è il regista di questo splendido lungometraggio che affronta il tema della manipolazione, attraverso le vicende di una giovane ragazza lontana da casa e dalle proprie certezze.

Mia viene assunta come ragazza alla pari da una coppia di genitori benestanti per badare al figlio unico di dieci anni, introverso e problematico.
Fin da subito si stabilisce un equilibrio sottile fra le parti in gioco che, in una graduale escalation di ambiguità e tensione psicologica, pone le basi per una complessa convivenza retta sui principi del rigore, della sudditanza, ma anche della complicità. Attratta e al contempo spaventata dall’ambiente chiuso e settario in cui si viene a trovare, Mia, sola e lontana da casa, dovrà scegliere fra la propria coscienza etica o il rispetto delle regole imposte che la mette continuamente in discussione; fra l’integrità personale o il licenziamento.

Al suo primo lungometraggio, il ceco Michal Hogenauer firma con A Certain Kind of Silence un inquietante racconto di formazione che, prendendo spunto da fatti realmente accaduti, si sviluppa con la cadenza di un thriller claustrofobico dall’andamento misterioso e ipnotico.

Atmosfere da cinema di genere ed estetismi d’autore si fondono in un’opera che sconfina in territori cari agli appassionati di The Handmaid’s Tale partendo da Suspense (1961) di Jack Clayton. Con una sottile e sofisticata vena di sadomasochismo a rendere il piacere della scoperta e il twist finale un po’ più perversi.

Da non perdere, ci auguriamo che al film venga presto dato ampio respiro della grande distribuzione.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook