Curiosando alla Biennale #2: l’Iran al Conservatorio

Curiosando alla Biennale #2: l’Iran al Conservatorio

L’Iran è al Conservatorio con Of Being and Singing ed è tornato in Biennale con una mega installazione che regge il confronto con il  contesto: lo spazio  magnifico e imponente al di sotto del transetto della Basilica di San Giorgio Maggiore.

pastedGraphic.png

pastedGraphic_1.png

pastedGraphic_2.png

 

pastedGraphic_4.png

pastedGraphic_5.png

pastedGraphic_6.png

pastedGraphic_7.png

Le sorprese sono appena iniziate e mi imbatto in Te veo Me veo, ma la mostra di Alberto Burri assorbe tutta la  golosità e mi impone una sosta, il silenzio e una riflessione profonda. La commozione mi attanaglia a vedere quale poesia  sia davanti ai miei occhi grazie a pezzi di juta mal cuciti, striscie sottili ricavate da tronchi di legno,  legni combusti, campiture improvvise di colore, di chi sopravvissuto al campo di concentramento ha scelto di donare comunque vita.

pastedGraphic_8.png

pastedGraphic_9.png

pastedGraphic_10.png

Il traghetto mi porta di là dal canale, un amico mi segnala che è il caso di andare in Azerbaijan, che per fortuna è qui, a Campo S.Stefano, un crocevia praticamente obbligato. Azhirnan Yussuf mi lascia senza fiato fotografando una delle mie angosce esitenziali. Con felice intuizione,  modulando abilità, modernità, media, video e luci riesce a farci vedere l’impatto dei media sugli esseri umani lasciandoci ben poche speranze di riscatto. Immagini in rapidissima sequenza scorrono inesorabili e velocissime su sfere, le nostre povere teste, senza lasciare traccia.

L’emozione è forte.  Poco più in là nel cortile  delle Generali, un’installazione di lastre di vetro di Natalie Decoster che scopriremo essere una nomade dell’arte di tutto rispetto, ci intrattiene sul suo percorso in tutto il mondo, e che presto, e le brillano gli occhi, toccherà Place Vendôme.

pastedGraphic_11.png

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook