Curiosando alla Biennale #3: Ziba Ardalan

Curiosando alla Biennale #3: Ziba Ardalan

 

E a proposito di rispetto il Conservatorio di Musica di Venezia ospita The Spark Is You: Parsol Unit in Venice, il progetto di Ziba Ardalan. Diverse generazioni di artisti iraniani, che vivono e lavorano in Iran e all’estero, presente a Venezia con molta difficoltà data l’opposizione di alcuni stati, con le installazioni di  Sahand Hesamyian e le grandi tele di Namid Nuur che ha riportato le tracce mentre si prova una semplice penna sui banchi di cartolai, e i ghirigori riportati sulle enormi tele, sono sorprendentemente simili in tutto il mondo. Si tocca qui  con mano la voglia di creare un dialogo e uno scambio tra chi appartiene a culture diverse.  

Sulla riva degli Schiavoni i giardini sono tutta un’installazione, e poi arrivo in Costa d’Avorio. La selezione è curata da Massimo Scaringella che coniuga la tradizione all’attualità tanto che si fatica a individuarne una dall’altra.  

21__#$!@%!#__pastedGraphic.png

22__#$!@%!#__pastedGraphic.png

23__#$!@%!#__pastedGraphic.png

La Catalogna invece preferisce sottolineare la potenza dell’immagine scultorea, e per questo presenta 12 grandi sculture che durante e dopo la dittatura furono oggetto di forti reazioni, vituperi e insulti, coinvolgendo l’osservatore per il  suo fervore,  al dolore alla paura. E ripassando per l’ennesima volta dall’Accademia dove potremmo goderci Basetitz, al di là del ponte Dubuffet a Palazzo Franchetti. Mi immergo nella magnifica mostra, veramente magistrale, con pezzi superbi e rari. 

24__#$!@%!#__pastedGraphic.png

25__#$!@%!#__pastedGraphic.png

Riattraverso Campo S.Stefano e all’improvviso mi si para davanti  il dialogo Cina Italia grazie al progetto di  Paolo Asti, cittadino del mondo, che presenta un un poker d’assi: Pietro Bellani, Giuliano Tomaino, Francesco Vaccarone e Aldo Mondino che a sua volta presenta un tappeto formato da chicchi di caffè, più di 60 kg accompagnati dal  formidabile video dello studio no noise, e che sottolinea il temperamento degli artisti che a loro volta interagiscono con il video. La mostra proseguirà in giro per il mondo.

Pietro Bellani

26__#$!@%!#__pastedGraphic.png

 

27__#$!@%!#__pastedGraphic.png

28__#$!@%!#__pastedGraphic.png

29__#$!@%!#__pastedGraphic.png

Mi piace ancora segnalare Andorra tanto piccolo come paese e tanto grande come comunicazione. In un’unica immagine trasmette il succo della sopravvivenza dell’umanità, ahimè mai disatteso come oggi. Ancora un salto a Palazzo Grimani dove Sandro Kopp con Meyecellium sceglie come protagonista assoluto l’occhio, come organo che ci collega al mondo ma anche ricettore di immagini e potente comunicatore della nostra identità. Per questo le pareti sature di dipinti ognuno dei quali raffigura un occhio di un amico o di un parente dell’artista. 

Last but not least la presenza di Giuseppe Gusinu a casa Andrich a Torcello con le sue incredibili pulsanti mante. 

30__#$!@%!#__pastedGraphic.png

 Proibito girarsi ancora intorno anche se lo  spettacolo va avanti e sono mille le cose da vedere. Ancora un passo allo spazio Iintesa San Paolo, ormai totalmente ristrutturato anche ad opera del  famoso Michele de Lucchi che ospita una piccola  mostra  a scopo benefico e poco più in lá Seguso celebra i suoi 600 anni!  di vita con una serie di fazzoletti di vetro che formano una sorta di costellazione e invita a lasciare un commento. Quante cose ancora da vedere ma mi fermo qui,  anche perché quest’anno e il primo anno che morte, torture e atrocità hanno lasciato il passo alla speranza..,e mi auguro di essere riuscita a  stuzzicare la vostra curiosità.

31__#$!@%!#__pastedGraphic.png

32__#$!@%!#__pastedGraphic.png

E poi, e poi trovi una gondola in libreria. Questa è Venezia . 

33__#$!@%!#__pastedGraphic.png

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook