The wheel of consent | La ruota del consenso

The wheel of consent | La ruota del consenso

The wheel of consent è un’idea della sessuologa e trainer di intimità Betty Martin (https://bettymartin.org)

L’idea alla base della ruota del consenso è che nella sfera sessuale – e in molti altri contesti della nostra vita – ci spostiamo tra zone diverse.
Spesso non siamo a conoscenza della zona in cui ci troviamo. La ruota divide le zone (quattro) in modo che possiamo notare dove siamo e riflettere su come vivere il consenso in ciascuna di esse.
Funziona in modi diversi per ognuno di noi.

Prendendo l’esempio di un bacio, ecco come potrebbe essere in ciascuno dei quadranti:

Prendere
“Posso baciarti?”, chiedi, e quando la controparte annuisce entusiasticamente, prendi saldamente le sue spalle tra le mani e spingi le labbra contro le sue, sentendo il calore e l’eccitazione che salgono dentro di te.

Permettere 
“Posso baciarti?” chiede, e quando sussurri “sì”, la persona si avvicina a te, inclinando la testa e portando le sue labbra contro le tue. Tu lasci l’altra persona fare, sapendo che questo procurerà un piacere.

Servire
“Mi bacerai?”, chiede, arrossendo un po’ dell’audacia. “Sì,” sei d’accordo, muovendoti lentamente verso l’altra persona per giudicare la loro risposta. Si tratta di dare piacere.

Accettare
“Mi bacerai?” chiedi. “Assolutamente sì” è la sua risposta immediata: persona desiderosa di servire. Ti circonda con le sue braccia e inizia a esplorare, inizialmente per tentativi. Attiri la persona verso te, per mostrare esattamente cosa ti piace.

Questi esempi dovrebbero mostrare a grandi linee come sia essere in ciascuna delle quattro zone, e come funziona il consenso in esse.

A volte può essere difficile concentrarsi sull’essere in un quadrante alla volta.
Spesso nel sesso – e in altri aspetti della vita – cerchiamo di essere in molti posti allo stesso tempo.
Quindi, per esempio, ci stiamo baciando e stiamo cercando di eccitare l’altra persona perché vogliamo che ci trovino un buon baciatore, ma stiamo anche cercando di accenderci perché vogliamo essere pronti se le cose dovessero progredire oltre il bacio. Forse stiamo facendo ‘prendere’ lo stile di baciare perché pensiamo che sia quello che vogliono, ma questo ci getta di più nella modalità di ‘servire’, tranne che non abbiamo effettivamente controllato ciò che vogliono. In tali situazioni stai dando o ricevendo? Può essere piuttosto confusionario la prima volta che ci pensi su.

A molte persone piace la semplicità dei quadranti perché sai dove sei e puoi concentrarti su un piacere alla volta: il piacere di prendere ciò che vuoi, il piacere di qualcuno che ti usa per “accendersi”, il piacere di servire qualcuno, o il piacere di qualcuno che focalizza tutta la sua attenzione sul darti emozioni.

Naturalmente questo potrebbe essere il motivo per cui la ruota non funziona così bene per alcune persone. Forse preferiscono il sesso che ha tutte queste cose mescolate insieme. Forse a volte il sesso scorre naturalmente tra il dare e il ricevere. O forse no.

Un’altra utile idea – le preferenze sessuali del percorso di Mosher – potrebbe aiutarci in questo.
Mosher suggerisce che le preferenze sessuali delle persone possano essere riguardo 3 cose:
Recitazione, coinvolgimento con i partner e/o trance sessuale.

Molti di noi godono di due o tutte e tre queste cose, ma spesso una di esse è dominante. Le persone spesso portano certi lati di se stessi al sesso (ad esempio l’essere fiduciosi, timidi, dominanti, gradevoli, sfacciati).

La ruota funziona particolarmente bene per le persone che promuovono il ruolo, perché il sesso per noi è eccitante se entriamo in un determinato spazio mentale o personaggio.
Ci piace essere il destinatario, l’amministratore, il servitore o la persona che accetta.
Alcuni di noi probabilmente preferiscono alcuni di questi quadranti, alcuni preferiscono mischiarli. Sarebbe comodo sapere esattamente in quale quadrante stare, in base alla nostra personalità.
Ma essere incoraggiati, da un partner, in un quadrante diverso potrebbe anche essere mentalmente stimolante per capire qualcosa in più di noi stessi.

Forse le persone più prese nel coinvolgimento del partner o nella trance sessuale sentono meno bisogno di rimanere in un quadrante, o addirittura di lottare se sono limitate a un quadrante alla volta.

Il gioco dei 3 minuti

Il 3minute game di Betty Martin suggerisce di provare la ruota a coppie.
Fondamentalmente durante il gioco ognuno di loro trascorre tre minuti in ciascun quadrante (con un partner che prende il quadrante opposto rispetto a quello in cui ci si trova). Questo dà l’opportunità di sperimentare cosa vuol dire essere il beneficiario, l’amministratore, il servitore oppure colui/colei che accetta “il dono” del piacere.

Una delle cose che molte persone trovano difficile nel 3minute game è che quando sono nei quadranti di accettazione, quindi stanno ricevendo piacere, devono capire cosa – se mai – vogliono fare all’altra persona e cosa – se non altro – loro vogliono fatto a se stessi. Per quelli (molti) di noi che hanno imparato nella loro vita a concentrarsi sul piacere agli altri questo può essere piuttosto impegnativo, ma è una grande pratica per sintonizzarti e capire cosa si vuole.

Il consenso
Nella disciplina di Betty Martin, nella ruota ci sono anche “lati ombra” non consensuali. In altre parole, se stai facendo qualcosa, o lasciandolo fare, senza controllare che tutti siano pienamente a favore e stabilendo le condizioni in base alle quali le persone possono dire onestamente dove si trovano.
Questi lati d’ombra possono essere utili per verificare se siamo davvero coinvolti con le altre persone, consensualmente. Non dire “questo non mi va” per non dare dispiacere al partner, è un errore più comune di quanto si possa pensare.

La ruota riesce ad esprimere concetti molto semplici ma in un modo o nell’altro complessi allo stesso tempo.
Dato che viviamo in una cultura occidentale altamente non consensuale, tendiamo tutti verso alcuni o tutti questi lati oscuri a volte. Forse il 3minute game è un doloroso promemoria di questo. Certamente ha il potenziale per portare tutti noi in un territorio profondo e inquietante, dove dovremmo comunque avventurarci per capire meglio noi stessi.

Se siete confusi e incuriositi, il materiale in rete non manca, seppur solo, ahimé, in lingua inglese.

Workshop ed incontri di vario genere si svolgono in tutta Europa. Rigorosamente in lingua inglese perché persone di tutto il mondo possano così partecipare.
L’ultimo meraviglioso workshop si è svolto questo mese nella città di Lisbona (vedi foto) e il prossimo sarà il 15 luglio a Leicester, in Inghilterra.

Non sarà difficile trovare “The wheel of consent” su Facebook e addentrarsi in questo mondo di approfondimento in cerca della cosiddetta “clarity”. La chiarezza interiore. Una disciplina di studio che l’Italia tende forse ancora a sottovalutare.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook