Una Guida Tascabile per veri bibliofili

Una Guida Tascabile per veri bibliofili
https://www.ibs.it/guida-tascabile-per-maniaci-dei-libro-vari/e/9788867995622

Spesso si dice che le nostri menti, soprattutto in giovane età, siano come delle spugne.  

Chi più chi meno, gli odori che colpiscono le nostre narici, i suoni che allertano i nostri sensi, i colori che ci fanno sbattere per la prima volta gli occhi, le parole che ci colpiscono maggiormente il nostro cervello.

Tutte queste sensazioni all’inizio della nostra vita sono poche, poi cominciano ad arricchirsi perché si cresce, si conoscono nuovi suoni e colori, si scoprono le arti, si affinano i propri gusti e si decide (in maniera più o meno autonoma) quali sono poi i film che piacciono di più, il genere musicale che si apprezza maggiormente, quel tipo di hobby che permette di far rilassare la mente.

Se quel tipo di attività si rispecchia poi nella lettura, allora si apre un universo di molteplici alternative, mondi fantastici e reali che si mescolano insieme, storie con personaggi uno più particolare dell’altro che si alternano e crescono come complessità, insieme e parallelamente alla nostra vita.

Per fare da Guida dunque nei meandri delle letture che accompagnano la formazione dei lettori, ritorna in libreria in una veste nuova e aggiornata “La Guida tascabile per maniaci dei libri” (Edizioni Clichy), la quale nasce dall’idea di un gruppo variopinto dal nome molto particolare. The Book Fools Bunch, presieduto dal capitano Achab (ideatore e curatore di questo stupendo progetto), insieme a Lizzie Bennet, Fermina Daza, Franny Glass, Lucy Pevensie e Marie Noziére.

La loro idea, che ha avuto un successo così particolare da proporre una nuova edizione aggiornata e arricchita con i consigli dei librai di tutta Italia, è quella di creare una sorta di “bibbia” per gli amanti della lettura, che tenere magari sul proprio comodino e riaprire casualmente, quando si vuole suscitare un ricordo o un’emozione.

Per questo il manuale ha una sua suddivisione interna, che può in qualche modo raccogliere le mille (e più) curiosità che riguardano il mondo dei letteratura, degli scrittori, dei generi letterari, delle case editrici, dello storytelling. Ad esempio sfogliando il primo capitolo si possono trovare quelli che vengono definiti I Libri Fondamentali, messi a catalogo e suddivisi per importanza e per secoli; andando avanti ci si imbatte in quei libri che gli stessi librai italiani considerano imperdibili.

Ecco dunque che magari ci si ritrova improvvisamente catapultati dentro la propria libreria di fiducia, della propria città o del proprio paese, in cui ci si infila per trovare un momento di pace per se stessi, magari senza nemmeno avere un’idea chiara di cosa si vuole comprare e si ha la fortuna di imbattersi in quel librario vecchio stile che sa cogliere le tue necessità e consigliarti il romanzo che ti cullerà l’anima per qualche settimana.

Qualche pillola sulle vite degli scrittori, giusto qualche curiosità in cui però un fidato lettore si può imbattere volentieri, perchè è dalle loro vite che i più grandi letterati hanno preso spunto per i loro romanzi e le loro storie: la vita personale di ciascuna persona si dimostra nuovamente fonte di grande ispirazione.

Subito dopo ci si imbatte in quello che può diventare rapidamente anche un gioco letterario: in ordine cronologico, gli incipit dei romanzi che hanno fatto la storia, che in un modo o nell’altro anche solo leggendo le prime… eccolo lì il ricordo, come quel giorno che a scuola ci hanno fatto leggere le prime righe dei “Promessi Sposi” che tanto ognuno di noi ha detestato, ma che comunque rimane lì, sepolto nella nostra memoria per venire fuori prepotentemente e di colpo. Chi non si ricorda gli incipit dei grandi classici che ci sono stati imposti in tenera età e che invece ad oggi aprendo questi romanzi nuovamente, assumono un significato completamente diverso?

Infine una sezione dedicata ai premi, ai best seller, ai migliori film tratti da libri e una piccola parte davvero divertente: le stroncature che gli scrittori si sono (sempre) fatti vicendevolmente fin dalla notte dei tempi. Così il lettore scopre le piccole scaramucce che da sempre sono esistite tra Vladimir Nabokov e Ernest Hemingway, ma anche tra Stephen King e Stephenie Meyer. 

Una riscoperta ad ogni pagina, una guida che non ci si stanca mai di sfogliare e di leggere.

Rebecca Cauda

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook