Assomigli più ad un’opera di Michelangelo o di Picasso?

Assomigli più ad un’opera di Michelangelo o di Picasso?
Fonte: Italiano Sveglia

Hai mai pensato di sembrare un dio greco o un dipinto del Rinascimento? Oltre ad avere un ego esagerato, potresti avere ragione e Google ti aiuterà a dimostrarlo! Infatti, l’App Google Art & Culture ti consente di sapere a quale opera d’arte assomigli.

google art
Fonte : Istagram Idanny

È facile: scarichi l’app, ti fai un selfie, e l’app inizia ad analizzare le caratteristiche del tuo viso e ti presenta il tuo sosia “d’arte”.

L’intelligenza artificiale che fa la scansione del database di Google non è perfetta – infatti l’applicazione indica anche una percentuale di somiglianza tra la fotografia e l’opera d’arte – ma a volte i risultati possono essere particolarmente convincenti, anche lusinghieri, oppure possono essere deludenti. In ogni caso quel che viene fuori è sorprendente.

Molte persone hanno condiviso i loro risultati sui social network e l’app è diventata rapidamente virale, addirittura come l’app gratuita più scaricata su App Store negli Stati Uniti.

Questa funzione offre infatti un seconda propulsione a Google Art & Culture, la piattaforma che è stata lanciata nel 2016 con l’obiettivo di ispirare e informare gli utenti sulle Belle Arti nella storia e nel mondo. Un sito che non molti conoscono, totalmente gratuito e con un enorme valore culturale, che usa la tecnologia per raccontare e far amare l’arte.

Se l’utilizzo di questa App è davvero divertente – provare per credere – effettivamente nasconde anche un aspetto educativo reale. Infatti, una volta terminato il “match”, puoi imparare di più sull’opera d’arte, informandoti anche sul movimento artistico o sull’artista che l’ha realizzata. Un modo intelligente per coinvolgere il grande pubblico e appassionarlo alla storia dell’arte, nell’era dell’egocentrismo digitale.

E proprio in questo periodo, anche quindici musei di Milano sono sbarcati su questa piattaforma di Google dedicata all’Arte e alla Cultura! Dalla Biblioteca Ambrosiana al Castello Sforzesco ora sarà possibile “visitare” gratuitamente le 80 mostre digitali accedendo al sito g.co/milanoartlover. Oltre 320 opere digitalizzate con Google Art Camera pronte per svariati tour virtuali ad altissima risoluzione, sperando che il virtuale non basti e venga voglia di goderne direttamente in un tour reale.

FdA

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook