ExpoSong: il tormentone che parla della reazione di Milano all’Expo. Il video ed il testo della canzone

ExpoSong: il tormentone che parla della reazione di Milano all’Expo. Il video ed il testo della canzone

ExpoSongMILANO – Si avvicina ogni giorno di più l’apertura di Expo 2015, questo grande evento, che costituirà un’occasione straordinaria non solo per Milano ma per l’Italia intera.

A fianco di grandi progetti,  che saranno presentati al mondo intero, ve ne sono anche di modesti e di piccoli ma alcuni come questo che vi presentiamo, ma che  è destinato a rimanere nelle orecchie dei milanesi e non solo.

Stiamo parlando di un motivetto molto orecchiabile e accattivante che è stato composto interamente da domande ed è vincitore della prima edizione di Explog, che diventa una canzone e nasce l’ExpoSong.
quanti punti interrogativi ci sono ancora?
A presentare questo allegro motivettolo è il blog Onalim (Milano al contrario) che ci ha messo le parole, anzi le domande, mentre il cantastorie Pablo Ciallella ci ha messo la musica, un ritornello che ti verrà subito voglia di cantare e un’intensa e surreale interpretazione.

Isabella Musacchia, di questo successo dice: “Da tempo sognavo una canzone per Onalim, ma nessun cantautore mi aveva mai preso sul serio. Quando ho chiesto a Pablo se gli andasse di scrivere una canzone su un mio testo lui ha risposto subito di sì. Dopo tre giorni l’aveva scritta. Ricordo ancora la scena, Pablo che prende la chitarra e che comincia a cantare Expopopoexpo.
Pablo aveva compreso l’anima della canzone. Aveva capito tutto. Ero commossa.
Poi Pablo mi guarda e mi dice: “Isabella, ma che è l’Expo?”

Nel coloratissimo video di ExpoSong, Pablo e una nutria del naviglio ci accompagnano in giro per la città alla scoperta di tutti gli interrogativi ancora aperti:
Come reagirà la città di Milano all’Expo?
E i milanesi?
E le maghe di Brera?
E le modelle?
E i senzatetto?
E i turisti?
E Leonardo Da Vinci?
E il fantasma della Callas?
E le papere dei navigli nuoteranno come sempre controcorrente?
Se non l’hai hai ancora ascoltata puoi sentirla cliccando sul video sottostante, ma intanto ecco qui il testo:
Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpoooo
Quindicimila prostitute all’Expo in città?
E l’infopoint ad arredare il Castello?
Quante lingue si parleranno sullo stesso tram?
Logo psichedelico e case chiuse in libertà?
Le maghe di brera stanno imparando russo arabo e giapponese?
L’arena civica sarà scambiata per il colosseo?
Quali mode esotiche nasceranno?
La schischetta cosmica o i contadini su Vogue?
E le papere dei navigli nuoteranno come sempre come sempre controcorrente?
rit. Guagliò, cuore d’Europa d’Italia o che ne so a
guardarci l’ombelico o a inseguire una mascotte
E’ l’Exposong ecosolidale sul naviglio universale che occasione straordinaria.
Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpoo
Tornerà il cigno bianco della darsena?
E le modelle mangeranno di più?i senza tetto moriranno lo stesso di fame?
Una mattina troveremo il dito medio di Cattelan sporco di Nutella?
E il papa si macchierà il vestito con la salsa thai?
Quanti turisti si tufferanno nelle fontane?
E quanti milanesi si faranno un orto sul balcone?
Ci sarà più religione?
Hipster “hipsterici” o mondiali di alimentazione?
rit.     Milano, cuore d’Europa d’Italia o che ne so
a guardarci l’ombelico o a inseguire una mascotte

E’ l’Exposong ecosolidale sul naviglio universale che occasione straordinaria.
Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpoo
E vai con la canzone padiglione. Questa è la canzone padiglione
Popopò papapa expopopò
Verrà analizzata la “Merda d’artista” di Piero Manzoni per scoprire quale fosse la sua alimentazione?
Durante l’Expo, Macao occuperà l’Esselunga?
E le papere dei navigli mangeranno come sempre controcorrente?
Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpopopoexpo Expopopoexpo

Sebastiano Di Mauro
17 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook