Immobile torna al gol e regala la vittoria alla Lazio. 1-0 col Crotone

Immobile torna al gol e regala la vittoria alla Lazio. 1-0 col Crotone

La Lazio vince con molte sofferenze. Il ritrovato gol di Immobile regala tre punti fondamentali ai biancocelesti. Partita vinta sul piano fisico tattico ma sofferta su quello agonistico dove le squadre si sono battute ad armi pari. La Lazio merita di finire la prima frazione in largo vantaggio ma l’estremo difensore avversario, Festa, neutralizza ogni sortita. Biglia fallisce un calcio di rigore spedendo la sfera sulla traversa e la gara viene decida da un errore della difesa del Crotone che consente ad Immobile di ritrovare la via del go dopo sette gare di digiuno. Punti importantissimi per la Lazio che tiene il passo di Napoli, Roma e Atalanta. Buoi pesto per il Crotone in zona retrocessione.

Vantaggio fallito- Il nuovo anno inizia con il gelo dell’Olimpico e con pochissima mobilità. Bisogna attendere il quarto d’ora per vedere la prima vera conclusione in porta e un agonismo in campo, le squadre si fronteggiano a centrocampo senza risultare pericolose e senza costruire gioco. La Lazio è la più determinata a voler portare a casa il risultato e lo dimostrano le molte conclusione che arrivano dalle parti di Festa, estremo difensore del Crotone, dal ventesimo fino alla fine della frazione di gioco.  Il ritmo si velocizza nella metà del parziale ed è tutto un monologo biancoceleste con gli uomini di Inzaghi che cercano, con conclusioni e giro palla, il vantaggio. I biancocelesti diventano padrini del campo e del gioco e attaccano senza soluzione di continuità la porta difesa da Festa che diventa il protagonista della giornata. E’ proprio l’estremo difensore a divenire il man of the match: importantissimi i suoi interventi sulle conclusioni da parte di Immobile, Lombardi e Milinkovic. La gara si scalda nella pare conclusiva della frazione con un rigore a favore dei padroni di casa per un fallo al limite su Lombardi, dal dischetto si presenta Biglia che calcia forte sulla traversa. Il primo tempo termina a reti bianche.

Riecco Immobile- Il secondo tempo è meno frenetico e molto più lento e compassato rispetto al primo, tutte e due le squadre si aspettano e temono gli attacchi reciproci. La Lazio tenta di alzare il ritmo ma le conclusione stentano ad arrivare. Il tempo scorre e il Crotone vedendo di buon grado il pareggio, abbassa il ritmo del gioco costringendo gli avversari ad un pressing costante e ad un giro sfera troppo elaborato e ben calcolato. La gara scivola lentamente verso la mezz’ora di gioco con l’impressione del risultato finale a reti bianche. La Lazio è sicuramente la più incisiva e quella che , nel computo finale delle occasioni, meriterebbe il vantaggio, invece il gioco sembra bloccato e vano. L’occasione che determina il risultato finale è pura casualità e viene determinata da un errore difensivo del Crotone che non riesce a liberare l’area di rigore favorendo Ciro Immobile che si avventa sulla sfera e batte Festa sul primo palo. Vantaggio Lazio e Immobile che ritrova il gol dopo sette gare a digiuno. Finisce 1-0 per i padroni di gara.

Meritano 2 duerighe

Festa: Protagonista della gara, soprattutto nel primo tempo dove erige una saracinesca sulla porta, annichilendo le sortite della Lazio. Sul rigore non si lascia trovare impreparato anche se la traiettoria non avrebbe lasciato scampo.

Biglia: Il capitano detta i tempi di gioco ma sbaglia un rigore che, fino ai minuti finali, sembra essere decisivo per l’esito della partita. Per il resto è decisivo ma poco incisivo.

LAZIO-CROTONE 1-0

LAZIO (4-3-3): Marchetti, Basta, de Vrij, Hoedt, Radu, Parolo, Biglia (81′ Rossi), Milinkovic, Lombardi (77′ Kishna), Immobile, Luis Alberto (81′ Cataldi). All. S. Inzaghi

CROTONE (4-3-3): Festa, Sampirisi, Ceccherini, Ferrari, Martella (91′ Simy), Rohden, Crisetig, Barberis, Stoian (51’Palladino), Falcinelli, Trotta (81′ Rosi). All. D. Nicola

Arbitro: Maresca (sez. Napoli)

Marcatori: 90’ Immobile (L) 

Ammoniti: 15′ Lombardi (L), 54′ Festa (C), 77′ Rohden (C)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook