Basket NBA: Olynyk, Gay e Carter cambiano franchigia.

Basket NBA: Olynyk, Gay e Carter cambiano franchigia.

Contratto con i San Antonio Spurs per Rudy Gay. Carter si accasa a Sacramento per una stagione. Olynyk invece firmerà con la franchigia di Miami.

 

Rudy Gay @ San Antonio Spurs

Il giocatore nato a Baltimora aveva deciso di non continuare il suo cammino con i Kings e di sondare la free agency. Mossa giudicata azzardata da molti considerando che Gay lasciava sul tavolo circa 15 milioni di dollari. Ma il rischio stavolta ha pagato. Rudy infatti ha trovato un accordo con una contender di altissimo livello quali sono i San Antonio Spurs. Il giocatore andrà a firmare un biennale da 17 milioni di dollari con la player option per la seconda.

Gay era stato contattato da molte squadre all’inizio della free agency ma i dubbi sul suo recupero dal passato infortunio al tendine d’Achille hanno fatto si che la fumata bianca tardasse ad arrivare. Gli Spurs portano quindi all’ombra dell’ Alamo un grande realizzatore con più di dieci anni di NBA alle spalle che impreziosirà ulteriormente un roster già competitivo come quello di coach Popovich.

Vince Carter @ Sacramento Kings

I Kings non hanno fatto neanche in tempo a dire addio al loro numero otto che hanno trovato un accordo con un degno sostituto.

La franchigia di Sacramento infatti si è accordata con il veterano ed ex superstar NBA Vince Carter. Anche Vincredible dopo Randolph abbandona quindi Memphis, che continua a perdere pezzi pregiati. Carter dice quindi addio ai Grizzlies  per andare a firmare un contratto di un anno da 8 milioni di dollari con la franchigia californiana.

 

Kelly Olynyk @ Miami Heat

Ultimo della lista il Canadese ormai ex Boston Celtics. Come comunicato dal suo agente il giocatore ha trovato un accordo con i Miami Heat per un quadriennale da 50 milioni di dollari. Olynyk era un restricted free agent con Boston che però ha deciso di ritirare la sua qualifing offer per liberare spazio salariale al momento della “decision” Gordon Hayward.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook