Basket NBA: Minnesota cede Rubio, Chicago taglia Rondo.

Basket NBA: Minnesota cede Rubio, Chicago taglia Rondo.

I Minnesota Timberwolves hanno raggiunto l’accordo per la cessione di Ricky Rubio ai Jazz. Chicago nel frattempo sceglie ti tagliare Rajon Rondo.

 

Mentre permangono i dubbi sul rinnovo di Geroge Hill gli Utah Jazz si muovono sul mercato mettendo le mani su Ricky Rubio. A questo punto l’ex Indiana probabilmente non rinnoverà con la franchigia dello Utah e sarà costretto a trovare posto in una nuova franchigia con la free agency. Intanto coach Quin Snyder e soci si sono assicurati i servizi del talentuosissimo playmaker spagnolo nato ad El Masnou. Rubio, nonostante i gravi problemi fisici di cui ha sofferto in passato, ha avuto una discreta stagione a Minnesota con 11 punti e 9 assist ad allacciata di scarpe.

In cambio del giocatore catalano i Minnesota Timberwolves ricevono la prima scelta degli Oklahoma City

Thunder.

 

 

 

Questa era precedentemente in possesso dei Jazz, la scelta è protetta top 14.

Rondo, addio Chicago?

Il palymaker ex Boston Celtics è stato infine tagliato dalla dirigenza dei Chicago Bulls. Già nei giorni scorsi Paxon e e la società avevano provato a cedere l’ex Boston Celtics, con scarsi risultati, causa l’oneroso contratto del numero 9.

Assieme a Rondo Chicago ha comunicato di aver tagliato anche Isaiah Canaan e che non eserciterà l’opzione su Michael Carter – Williams. Esiste comunque la possibilità che la dirigenza dei Bulls provi a rimettere sotto contratto Rajon Rondo con delle cifre meno onerose per il salary cap di Chicago. Consideriamo sempre che il giocatore ex Kentucky si è rivelato un tassello fondamentale per la franchigia al momento dei playoffs, riuscendo a portare sulle spalle la squadra sul 2-0 contro dei Celtics allo sbando.

Ad occupare uno degli spot di playmaker sembrerebbe in arrivo invece Milos Teodosic. Il giocatore proveniente dal CSKA sembrerebbe infatti diretto in queste ore nella città del vento per discutere del suo eventuale ingaggio.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook