Scienze Naturali Logo
Edizioni Locali:

Racconti d’aereoporto

Se bene le agenzie online abbiano semplificato incredibilmente le modalità d’acquisto dei biglietti, basti vedere come, per esempio, su Italiavacationrental sia semplice ed accessibile scegliere la propria vacanza, gli ultimi dieci anni sono stati caratterizzati da un duro ispessimento ed un forte cambio delle normative aeroportuali e di volo. Ciò che prima si otteneva in cinque minuti, è diventata operazione di almeno mezz’ora. I controlli sono stati ampiamente intensificati, la documentazione e l’invio dei bagagli è diventata procedura molto complessa.

 La durata del viaggio e quindi la distanza totale che verrà percorsa influiscono poi sui livelli di qualità del viaggio stesso. Un viaggio breve sarà al 100% scomodo, ma presenterà un numero di controlli e di punti d’attesa minimi rispetto a voli di durata equivalente o superiore le cinque ore.

Un viaggio di durata medio-lunga, presenterà molti più controlli, possibilmente tempi  d’attesa al quanto ampi e un continuo bisogno di muoversi da un terminal all’altro e sino a cambiare aeroporto (nazionale-internazionale).

L’incidente dell’11 settembre resterà nella mente di molti come un episodio che ha rivoluzionato il sistema di viaggio in aeroporto.  La sicurezza fu intensificata, i controlli maggiorati con rispettiva scontentezza da parte dei passeggeri. Oltre questo, il costante trasporto di droghe in ambito aereoportuale ha portato ad una serie di maggiorazioni e di scomodità che rendono viaggiare davvero impossibile. Tuttavia l’11 settembre è stata solo una data, una data che ha previsto il continuo attuarsi di misure preventive che non ha mai cessato il suo costante incremento.

Oggi ci ritroviamo a vivere una situazione di puro stress se vogliamo viaggiare, le vacanze più rilassanti sono e saranno in parte rovinate dalla fatidica partenza e il demolente ritorno.

Ma allora, se a questi problemi si aggiunge la paura di volare e l’estrema vulnerabilità al JetLag, il cambio repentino dell’orologio biologico umano dovuto a cambi di (fuso) orario, come si può surclassare il problema?

Purtroppo non vi è soluzione. Ed è allora, quando ce ne capacitiamo, che ci rendiamo conto che la via migliore è quella di vivere il momento con il sorriso, di non pensarci e di aspettare.. perché dopo quel momento di delirio una (ve lo auguriamo) deliziosa vacanza vi attende!

Racconti d’aereoporto ultima modidfica: 2012-10-19T10:45:21+00:00 da Redazione

Articoli Recenti

Condividi e Promuovi!

Video

Vince Il Cantagrio 2014 – Giuliana Tecce

A vincere l’edizione 2014 del Cantagiro la cantante pugliese, Giuliana Tecce con il brano “La porta”

VAI ALL'ARTICOLO