VENEZIA 2017 | THE SHAPE OF WATER di Guillermo Del Toro vince il Leone d’Oro

VENEZIA 2017 | THE SHAPE OF WATER di Guillermo Del Toro vince il Leone d’Oro

Lido di Venezia – E finalmente dopo 11 giorni di film, conferenze stampa e dibattiti, sappiamo chi sono i vincitori.

La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, comunemente chiamato Festival del Cinema di VeneziaBiennale Cinema di Venezia è il festival cinematografico più antico del mondo. La prima edizione si ebbe nel 1932. Più antico del Festival di Venezia è l’Academy Award che assegna gli Oscar, che è nato nel 1929, ma non si può definire un festival.

Il premio principale è il Leone d’Oro che deve al suo nome al simbolo della città di Venezia: il leone della basilica di San Marco. Insieme alla Palma d’oro del Festival di Cannes e l’Orso d’oro del Festival Internazionale del cinema di Berlino è uno dei premi più ambiti al mondo.

La novità di quest’anno da un punto di vista puramente rappresentativo è che per “par condicio” si sono lasciate a casa le madrine e si è scelto un padrino, Alessandro Borghi, che ha condotto le serate di apertura e chiusura della Mostra, ed è stato anche protagonista della prima serie Netflix made in Italy presentata al Festival, Suburra. Ringrazia Claudio Caligari, il suo maestro.

Le giurie invece vedono la presenza femminile come presidente della sezione In concorso Venezia 74, l’attrice statunitense Annette Benning. (CLICCA QUI per sapere di più sulle GIURIE)

A concorrere al Leone d’Oro sono stati 21 film scelti tra più di 3.000 pellicole presentate: Ammore e MalavitaDownsizing, Ex Libris – The New York Public Library, First Reformed, Foxtrot, Hannah, Human Flow, Jia Nian Hua (Angels wear white), Jusqu’à la garde, La Villa, Leon on Pete, MekToub, my love: Canto Uno, Mother!, Sandome no Satsujin (The Third Murder)Suburbicon, The Sweet Country, The Insult, The Leisure Seeker, The Shape of Water, Three Billboards outside Ebbing Missouri, Una Famiglia.

LEONE D’ORO

Il premio per il miglior film 2017 va a THE SHAPE OF WATER di GUILLERMO DEL TORO

E’ un grande onore. Ogni giovane filmmaker messicano sogna questo momento. Io credo nella vita, nell’amore e nel cinema. Grazie

LEONE D’ARGENTO – MIGLIOR REGIA

JAXIER LAGRAND al suo primo film vince LA MIGLIOR REGIA con JUSQU’A LA GARDE. Il film è ben diretto e si rimane senza fiato fino alla fine. In effetti forse non è stata la miglior regia, ma per essere un’opera prima è riuscito a prendere gli spettatori per il cuore e stringere il fiato fino all’ultimo secondo.

LEONE D’ARGENTO – GRAN PREMIO DELLA GIURIA

La Gran Premio della Giuria va a FOXTROT di Samuel Maoz

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

Un riconoscimento speciale a Sweet Country di Mark Rogers

COPPA VOLPI – ATTORI

La coppa Volpi per la MIGLIORE INTEPRETAZIONE MASCHILE va a Kamel El Basha per The Insult di Ziad Doueiri

Questo è il mio primo film, vengo dal teatro. Non lo avrei fatto senza il supporto del regista e degli attori e attrici. Sono molto orgoglioso di questo premio e non potrei essere qui se le persone non mia avessero amato in teatro per trenta anni

La coppa Volpi per la MIGLIORE INTERPRETAZIONE FEMMINILE va a Charlotte Rampling per il film Hannah di Andrea Pallaoro.

Avere questo premio in Italia che è il Paese della mia ispirazione è incredibile. Sono venuta qui quando avevo 22 anni e ho realizzato film con Luchino Visconti, Gianni Amelio, Luciano Pavarotti e altri. Se sono qui oggi e ho ricevuto questo premio è perché l’Italia mi rende speciale. La mia vita è connessa con l’Italia. Grazie Andrea, nuova generazione che mi ha voluto con sé.

PREMIO OSELLA – SCENEGGIATURA

Il Premio Osella è il riconoscimento per la migliore SCENEGGIATURA che va a Three Billboards outside Ebbing, Missouri di Martin McDonagh 

Ho passato momenti bellissimi, ho mangiato ottima pasta e bevuto squisito Negroni. Grazie

PREMIO MARCELLO MASTROIANNI

Viene riconosciuto il merito per un ATTORE / ATTRICE EMERGENTE e quest’anno va a Charlie Plummer per Leon on Pete di Andrew Hugh

E’ un onore ricevere questo premio. Grazie al Festival di Venezia. Spero di seguire le orme di Marcello Mastroianni. Grazie alla mia famiglia.

ORIZZONTI

Gianni Amelio

MIGLIOR FILM per la sezione Orizzonti: Nico 1988 diretto da Susanna Nicchiarelli e interpretato da Trine Dyrholm, orso d’argento come migliore attrice a Berlino 2016.

Ringrazio mio marito perché mi ha sposato, e ringrazio mia figlia e vorrei che fosse orgogliosa di me

MIGLIORE REGIA PER ORIZZONTI. Va a Vahid Jalivand per Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature)

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA. Il premio speciale va a Caniba, documentario sul cannibalismo di Lucien Casting Taylor & Verena Paravel

E’ sul desiderio e la passione di mangiare e venire mangiato. Affronta temi violenti e spiazzanti.

MIGLIORE INTERPRETAZIONE FEMMILE per la sezione orizzonte è Lyna Khoudri di Les bienheureux – regista Sofia Djama

Questo premio mi dà speranza di fare cinema anche quando tutti dicono che non bisogna farlo.

MIGLIORE INTERPRETAZIONE MASCHILE per la sezione orizzonti. MAVID MOHAMMADZADEH. per il film Bedoune Tarikh, Bedoune Emza (No Date, No Signature) di Vahid Jalilvand

 

Grazie alla giuria, grazie a Barbera

SCENEGGIATURA. Los Versos del Ovido di Alireza Khatami

E’ un magio momento della mia vita. E soprattutto Guillermo Del Toro che è seduto in sala è stata un’ispirazione per la sua vita.

CORTOMETRAGGIO Gros Chagrin di Céline Devaux 

Ringrazia le persone che hanno collaborato con me.

IL LEONE DEL FUTURO – OPERA PRIMA

Il Leone opera prima va a JUSQU’A LA GARDE di Xavier Legrand

Grazie alla giuria. E’ un vero onore, grazie. Ci chiediamo spesso perché un soggetto così difficile, non potevo aspettare un secondofilm su questo soggetto per questo l’ho messo nel primo film. Il leone del futuro mi dà della speranza per il mio futuro nel cinema.

VENEZIA CLASSICI

MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA. E’ The Prince and the Dybbuk di Elwira NiewieraPiotr Rosolowski

Non avremmo potuto fare questo documentario senza i nostri produttori. Durante le riprese ho sentito lo spirito nella mia coscienza.

MIGLIOR FILM RESTAURATO. Idi i smotri di Elen Kimov

PREMIO VIRTUAL REALITY

Il miglior VR di Venezia che va a Arden’s Wake (Expanded) di Eugene Chung

Grazie per averci dato una chance per la VR. E che questo antico festival ha abbracciato per la prima volta questa nuova arte. Grazie alla giuria. La VR community ci ispira ogni giorno.

Il primo premio viene consegnato per la miglior storia raccontata in VR: Bloodless di Gina Kim:

La VR ha un incredibile potenziale. Ringrazio la giuria che abbracciato la mia visione.

Il secondo premio va a La Camera Insabbiata di Laurie Andersson, Hsin-Chieng Huang

Il processo del film è stato incredibile per me. – dichiara Huang – Grazie a tutti i miei collaboratori. Vorrei ringraziare mio padre che è venuto a mancare a febbraio. Ringrazio anche mia mamma e mia moglie senza le quali non sarei qui.

LEONE D’ORO ALLA CARRIERA

Il Leone alla Carriera quest’anno è andato a JANE FONDA e ROBERT REDFORD che hanno recitato insieme nel film Netflix fuori concorso Our Souls at Night (CLICCA QUI)

PREMIO JAEGER-LECOULTRE GLORY TO THE FILMMAKER

l premio Jaeter-Lecoultre (brand internazionale di orologi, sponsor della Biennale Cinema) è consegnato al regista Stephen Frears (Le relazioni pericolose, The Queen, Philomena). (CLICCA QUI)

PREMI COLLATERALI

Premio Arca CinemaGiovani

miglior film di Venezia 74: FOXTROT di Samuel Maoz

miglior film italiano: BEAUTIFUL THINGS di Giorgio Ferrero

Premio del Pubblico BNL – Giornate degli Autori

GA’AGUA (LONGING) di Savi Gabizon

Premio Brian

LES BIENHEUREUX di Sofia Djama

Premio Circolo del Cinema di Verona – 32. Settimana internazionale della critica

TEAM HURRICANE di Annika Berg

Premio Civitas Vitae

IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE di Silvio Soldini

Premio Fair Play cinema

EX LIBRIS – THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY di Frederick Wiseman  

menzione speciale: HUMAN FLOW di Ai Weiwei

Premi Fedeora (Federazione dei Critici Europei e dei Paesi Mediterranei)

miglior film: EYE ON JULIET di Kim Nguyen

miglior regista esordiente: SARA FORESTIER  per M

miglior attore: REDOUANNE HARJANE per M

Premio FEDIC

LA VITA IN COMUNE di Edoardo Winspeare

menzione speciale: NICO, 1988 di Susanna Nicchiarelli

menzione FEDIC – Il giornale del cibo: LE VISITE di Elio Di Pace

Premio FIPRESCI

EX LIBRIS – THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY di Frederick Wiseman 

miglior film d’esordio: LOS VERSOS DEL OLVIDO di Alireza Khatami

Premio Fondazione Mimmo Rotella

GEORGE CLOONEY, MICHAEL CAINE e AI WEIWEI

Premio Enrico Fulchignoni – CICT-UNESCO

HUMAN FLOW di Ai Weiwei

Premio Future Film Festival Digital Award

THE SHAPE OF WATER di Guillermo del Toro

menzione speciale: GATTA CENERENTOLA di A. Rak, I. Cappiello, M. Guarnieri, D. Sansone 

GdA Director’s Award – Giornate degli Autori

CANDELARIA di Jhonny Hendrix Hinestroza

Premio Green Drop 

FIRST REFORMED di Paul Schrader   

Premio Human Rights Nights al Cinema dei Diritti Umani

THE RAPE OF RACY TAYLOR di Nancy Buirski

menzione speciale: L’ORDINE DELLE COSE di Andrea Segre

menzione speciale: HUMAN FLOW di Ai Weiwei

Premio Interfilm

LOS VERSOS DEL OLVIDO di Alireza Khatami

Premio Label Europa Cinemas

M di Sara Forestier              

Premio Lanterna Magica (CGS)

L’EQUILIBRIO di Vincenzo Marra

Premio La Pellicola d’Oro

DANIELE SPINOZZI migliore direttore di produzione di un film italiano per Ammore e Malavita

RICCARDO MARCHEGIANI migliore direttore di produzione di un film internazionale per Mektoub My Love: Canto Uno

ROBERTO DI PIETRO premio al miglior macchinista per Hannah

Premio Leoncino d’Oro Agiscuola

THE LEISURE SEEKER di Paolo Virzì  

segnalazione cinema for UNICEF 2017: HUMAN FLOW di Ai Weiwei

Premio Lizzani

GÉRÔME BOURDEZEAU e DOMINIQUE BATTESTI

IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE di Silvio Soldini

Premio Lina Mangiacapre

LES BIENHEUREUX di Sofia Djama

Premio Mouse d’Oro

MEKTOUB, MY LOVE: CANTO UNO di Abdellatif Kechiche

Mouse d’Argento: GATTA CENERENTOLA di A. Rak, I. Cappiello, M. Guarnieri, D. Sansone 

Premio NuovoImaie Talent Award

FEDERICA ROSELLINI per Dove cadono le ombre

MIMMO BORRELLI per L’equilibrio

Premio Open

GATTA CENERENTOLA di A. Rak, I. Cappiello, M. Guarnieri, D. Sansone

Premio Francesco Pasinetti – SNGCI

AMMORE E MALAVITA di Manetti Bros.     

premio speciale: GATTA CENERENTOLA di A. Rak, I. Cappiello, M. Guarnieri, D. Sansone 

premio speciale: NICO, 1988 di Susanna Nicchiarelli      

Premio Gillo Pontecorvo – Arcobaleno Latino

MIAO XIAOTIAN, CEO di China Film Coproduction Corporation

Premio Queer Lion

MARVIN di Anne Fontaine

Premio Mario Serandrei – Hotel Saturnia & International per il Miglior contributo tecnico – 32. Settimana internazionale della critica

LES GARÇONS SAUVAGES di Bertrand Mandico

Premio Sfera 1932

LA MÉLODIE di Rachid Hami   

Premio del Pubblico SIAE – 32. Settimana internazionale della critica

TEMPORADA DE CAZA di Natalia Garagiola

Premio SIGNIS

LA VILLA di Robert Guédiguian

menzione speciale: FOXTROT di Samuel Maoz

Premio C. Smithers Foundation – CICT-UNESCO

THE SHAPE OF WATER di Guillermo del Toro

Premio Sorriso Diverso Venezia 2017 – Ass Ucl

IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE di Silvio Soldini

Premio Soundtrack Stars

ALEXANDRE DESPLAT per The Shape of Water

premio speciale: AMMORE E MALAVITA di Manetti Bros.

premio alla carriera: ANDREA GUERRA

Premio UNIMED

LA VILLA di Robert Guédiguian

menzione speciale: BRUTTI E CATTIVI di Cosimo Gomez

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook